Vaccinolatria e nuovo Ecumenismo occidentale

Vax

“In futuro più che medici e politologi, ad illuminarci su questo periodo pandemico saranno antropologi e storici della religione: sono loro ad avere le competenze necessarie per spiegare come il vaccino si sia trasformato da forma di profilassi medica a religione ufficiale degli Stati occidentali, e come questa trasformazione sia stata vissuta come ovvia, e persino auspicabile, tanto dal ceto politico quanto da quello intellettuale.” (Federico Leo Renzi, filosofo della teologia)

È davvero un raro privilegio poter assistere alla nascita di una nuova religione e all’istituzione dei nuovi sacramenti. Quella “religiosità seconda” che sarebbe stata, secondo Spengler, il sintomo della fase terminale di una Civiltà, quell’ultimo sussulto che, nell’agonia, precede il suo tracollo e disfacimento, noto a tutti quelli che hanno assistito un morente fino alla fine. Ora possiamo assistere alla fine della Civiltà faustiana, celebrando la sua nuova religione, in cui tutto ciò che trascendeva l’uomo, ogni forma di espressione spirituale, tradizione vivente e qualità, è dominato da ciò che porta verso il basso – intelletto astratto, interesse economico, finanza e i nuovi simboli di un materialismo disanimato, meccanicistico e scientista.

La nuova religiosità, secondo Spengler, avrebbe dovuto svilupparsi contro quella della tradizione, nata in una civiltà organica e qualitativa, e offrire una compensazione meccanicistica e puramente terrena all’infelicità dell’uomo, e benché questo antagonismo fra religione tradizionale, da una parte, e positivismo e materialismo scientifico, dall’altra, sia stato operativo e incentivante per il progresso sociale nel corso degli ultimi secoli, oggi noi non assistiamo più a un dualismo circolare fra tesi e antitesi, ma alla fase della loro sintesi in un’unica religione dell’Occidente, che parla un’unica lingua e accomuna concetti, categorie e formule simboliche e subliminali. E poiché questo ibrido, questa nuova sintesi si arma dell’esclusività di un unico presidio e di un unico simbolo – quello della siringa vaccinale, possiamo tranquillamente coniare un nuovo termine e chiamare la nuova religione Vaccinolatria.


Sorprendenti sono le analogie fra il dogmatismo cattolico e la Vaccinolatria.
Non era difficile associare il battesimo all’inoculazione, così come il peccato originale allo stigma di “untore per default”, entrambi colpe innate che possono essere riscattate solo attraverso un passaggio liturgico che garantisce l’assunzione a una nuova vita: il rito della purificazione.

“Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà (e non sarà battezzato) sarà condannato” ( Marco 16,16).

D’altronde, questa esortazione di Gesù ricorda perfettamente il marketing mediatico da parte di sedicenti esperti virologi, per i quali ai vaccini non c’è un’alternativa (come potrebbe essere quella delle cure) e ancora meno la possibilità di impugnare ragionevolmente la perentorietà della loro raccomandazione, perché non di modelli scientifici o evidenze empiriche si tratta, ma di fideismo incondizionato.

In realtà la Vaccinolatria non ha nulla di empirico, per quanto essa cercasse di legittimarsi con il metodo scientifico, ma paradossalmente è proprio per questo che ha funzionato ineccepibilmente. Tutte le religioni si fondano sull’incertezza. Se l’esistenza di un dio fosse evidente, non ci sarebbe bisogno dell’apparato del culto, del clero e delle liturgie. La penicillina non è mai stata enfatizzata perché era evidente che funzionasse, idem gli anti-dolorifici, o la chirurgia d’urgenza. Nel campo dei vaccini invece tutto è aleatorio, e proprio per questo rimesso alla speranza che la formula funzionerà, che saremmo noi i veri prescelti della volontà salvifica superiore.

Sono gli stessi dati ufficiali a essere mistici e velati. Immunizzazione per tre mesi, sei, otto? Non si sa. Due richiami, o meglio tre o quattro? Non è importante, perché è la fede che ci guida. Ci sono dei morti a causa del vaccino? Tanto non turbano, perché i sacrifici umani servano all’espiazione del peccato collettivo.

Un’analogia ancora più strutturale è quella classista. Nel medioevo ai frati francescani, che invocavano una “Chiesa povera”, le gerarchie ecclesiastiche di Roma replicavano con l’anatema, spiegando che una Chiesa povera non sopravvivrebbe nemmeno un giorno. Senza opulenza e senza denaro la religione non fa proseliti; non perché distribuisce denaro ai poveri, ma perché è il denaro a renderla credibile. Se i vaccini fossero una licenza dello Stato o i brevetti di Big Pharma fossero stati subito liberalizzati, si sarebbe creata una “vaccinolatria povera”, ma essa non sarebbe durata nemmeno cinque minuti, per gli stessi motivi della Chiesa povera. Una chiesa spiritualmente essenziale e autentica non avrebbe potuto dominare il potere secolare e permettersi di scomunicare perfino imperatori e capi di Stato, disobbedienti e pronti ad emanciparsi dal suo assolutismo, nello stesso modo in cui oggi i sacerdoti della Vaccinolatria, al soldo delle case farmaceutiche, perseguono e scomunicano medici e uomini di scienza che servono ancora il Giuramento di Ippocrate.

Oggi della mancata liberalizzazione dei brevetti dei vaccini non se ne parla più, nonostante “la ricerca” sia stata finanziata con cospicue tranche di denaro pubblico, ma è chiaro che senza gli stratosferici numeri del business delle multinazionali la campagna vaccinale perderebbe subito il suo ‘pathos’ e il suo alone mistico, i media smetterebbero di fare terrorismo ed i governanti di fare lobbying, per cui le vaccinazioni procederebbero solo su base volontaria e la campagna d’immunizzazione si affloscerebbe. Persino i più duri e puri seguaci della Vaccinolatria potrebbero improvvisamente perdere entusiasmo e fede nel loro dio, senza neppure sapersi spiegare il motivo. Il fatto è che il denaro non è solo business o desiderio di arricchimento personale: esso è fascino, suggestione sociale, perché rende straordinariamente serio, importante e indispensabile tutto ciò che tocca, agli occhi di tutti, perfino agli occhi dei “compagni comunisti”.

Generosa e compassionevole con i ricchi e i potenti, la Vaccinolatria è spietata con i poveri e i deboli, nello stesso modo in cui il clero cattolico infliggeva castrazione morale e punizioni prevalentemente ai poveri. “Predica bene e razzola male”. Grazie alla Vaccinolatria il datore di lavoro può disporre della vita del lavoratore, anche in mancanza di un obbligo per legge, e i giudici possono approvare tale reato, perché guidati dai principi della “solidarietà vaccinale”. Tra l’altro ai magistrati e ai politici nessuno osa chiedere se siano vaccinati o meno: gli eretici no-vax sono oggetto di caccia solo nelle categorie deboli, come quella degli insegnanti. Bisogna chiedersi, se l’Italia è stata scelta come paese pilota della nuova crociera religiosa, se questo non sia dovuto anche al fatto che la mentalità degli italiani sia ampiamente propensa alla tolleranza dell’ipocrisia ecclesiastica, che è stata introiettata durante i secoli fino a diventare una ragione anche politica. La tolleranza della “debolezza” dei politici e dei loro tradimenti degli interessi nazionali è consequenziale della tolleranza della falsità ecclesiastica, di un clero con appetiti economici e stili di vita incompatibili con gli insegnamenti morali di Gesù. Per questi e altri motivi, anche nella mentalità di chi si professa ateo è altrettanto facilmente radicabile ogni tipo di ideologia, così come il repentino cambiamento fra una polarizzazione e altra, il che disarticola il discernimento e il senso critico. La facile manipolabilità dell’italiano medio rispetto ad altre società e culture è senz’altro dovuto ai lunghi decenni di consociativismo fra cattolicesimo e comunismo, entrambi costruiti sul dogma che eliminare il dissenso e censurare, opprimere il pensiero e le azioni libere avrebbe portato pace, uguaglianza e giustizia perenne.

Come già di premessa iniziale, bisogna riconoscere che le analogie resterebbero mere operazioni di comparazione teorica se fra cattolicesimo e scientismo vaccinale non si fosse creata una vera e propria convergenza che si finalizza nello stesso spazio/corpo fisico – come quello di papa Bergoglio, per esempio, che più di ogni altro capo di Stato si è impegnato a persuadere e a iniziare i credenti alla nuova fede vaccinale. In questo modo il Vaticano diventa lo spazio sacro dove la vecchia e la nuova religione si passano la staffetta per poi fondersi. Questo “successo diplomatico” è stato preceduto da almeno un decennio di insistente richiamo all’Ecumenismo fra le diverse confessioni cristiane. L’Ecumenismo è una tipica idea moderna carica delle ‘buone’ intenzioni di ristabilire l’unità del mondo cristiano, come se la frammentazione fra le varie correnti sconfesserebbe l’Unica Verità incarnata in Gesù Cristo, invece di essere considerata una ricchezza in quanto riflesso dell’unicità delle culture e delle tradizioni e i costumi dei popoli cristiani. A sua volta, l’idea dell’Ecumenismo è stata preceduta e preparata dalla fervida fioritura del Sincretismo dall’inizio del nuovo Millennio.

Il Sincretismo si presenta con l’ambizione di dare all’uomo occidentale un ritorno alla Spiritualità, superando i dogmi delle religioni tradizionali e facendolo immergere in un infinito moltiplicarsi di movimenti e insegnamenti New Age che ricalcano vecchie tradizioni spirituali ed esoteriche, miste a interpretazioni della fisica quantistica in chiave del relativismo e l’universalismo dell’identità umana. In realtà il Sincretismo si sovrappone alla Globalizzazione nella stessa misura in cui tutto è destinato a circolare e ad amalgamarsi, non solo merci e denaro, ma anche tradizioni, religioni ed esseri umani – i nuovi cosmopoliti, i no-borders di un nuovo Ecumenismo di fratellanza spirituale.

Potrebbe il Sincretismo new age, nato negli USA, essere ritenuto un piano del Deep State? E’ del tutto probabile, considerando le numerose prove di interferenza da parte di forze politiche americane progressiste e globaliste per una “nuova primavera” della Chiesa romana, ossia le pressioni diplomatiche sulla Santa Sede affinché si riposizionasse sulle nuove tendenze antropologiche e oltre tutto su politiche programmatiche urgenti, come quella dei diritti LGBT e il traffico di esseri umani nel Mediterraneo. Ne sono prova le numerose udienze concesse con grande cordialità a personalità della Sinistra progressista, insieme all’entusiastico sostegno alle loro campagne e vittorie elettorali. Non dovrebbe essere stato risparmiato a tali pressioni, prima che cedesse la propria carica, nemmeno papa Ratzinger, che in anteprima ha parlato di “cristianizzazione del progetto mondialista”, senza condannarlo come anticristiano, tanto è che nel discorso di fine anno del 2006 il Presidente Napolitano ha potuto affermare agli italiani:

“C’è sintonia fra me e il papa Benedetto XIV nel sostenere un Nuovo Ordine Mondiale”.

Il resto è storia, nel senso che non c’è bisogno di cercare prove nascoste per mostrare di quanto papa Bergoglio sia stato estremamente accondiscendente all’agenda progressista, accettando perfino di prendere la parte del regime comunista di Pechino nell’emergenza delle persecuzioni dei cristiani e la violazione dei diritti umani in Cina, recitando al contempo una stucchevole compassione verso gli emigranti africani, inginocchiandosi e baciando i loro piedi. Con la pandemia, la chiusura delle chiese e la sospensione della celebrazione delle messe è stata tempestiva, prima ancora che le autorità imponessero il lockdown, a cui sono seguiti una serie di dichiarazioni e azioni in piena sincronicità con il regime pandemico: la promozione dei vaccini senza riserva come un “dovere morale” per ogni cristiano; l’introduzione del passaporto sanitario in Vaticano, nelle scuole cattoliche e in alcuni seminari; la proibizione ai vescovi di pronunciarsi contro l’obbligo vaccinale; e non per ultimo l’appello del Papa che “dobbiamo ritrovare la speranza e fidarci della scienza”.

Per quanto la Santa Sede si sia trasformata nella migliore tribuna propagandistica del nuovo Ecumenismo vaccinale, bisogna comunque chiarire che è un’altra la sede originaria della Nuova religione. E’ la Johns Hopkins University – il centro non solo di inimmaginabili sperimentazioni e gravitanti interessi finanziari, ma di tutto ciò che sta per diventare parte della nuova visione del mondo, il faro che guiderà l’amorfa società occidentale, e forse l’intero globo, verso il futuro. Nella JHU si gestiscano tutti i dati dall’inizio della pandemia (e anche prima del suo inizio), ma non solo: lì si costruiscono le nuove categorie teologiche. Per esempio, la categoria “recovered” (guariti e dimessi) è stata sostituita con “dosi di vaccino somministrate”. Questo fa pensare che la guarigione non sarà più prevista, non interesserà più a nessuno, sarà presa in considerazione solo la vaccinazione. Nella “economia vaccinale” non ci saranno più persone sane e persone guarite, perché gli algoritmi conteranno solo dosi di vaccini e vaccinati, ai fini di introdurre un nuovo irremovibile dogma – quello della permanente penitenza sanitaria, sorvegliata dalla nuova Inquisizione.

7 Settembre 2021

Zory Petzova

* * *

Zory Petzova, studiosa dei paradossi sociali nella loro molteplicità e interferenza con la natura umana.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito