Terrestrità del Sole (Arturo Onofri)

Terrestrita del Sole Arturo Onofri

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ 

 

Dove le Voci? E il sangue ineloquente

quando divulgherà gli ardui segreti

del regno tuo? Terrestrità del sole!,

ti pronuncia quest’impeto insensato,

nel nome mio, ma fuor di questa carne;

e sei tu che dài senso ai suoli, ai fiori,

alle immemori belve, e al mio pregarti

che assume fusto d’anime ploranti

nelle ampiezze dei mondi, oltre il mio cuore;

e sei bontà di vite miserande

che scolpiscono sé con gli scalpelli

di tenaci fatiche, ansie, tormenti

rinnovati ogni dì lungo i fioriti

continenti che il mare orla di schiume

e gli amori addolciscono di pianto.

Terrestrità del sole!, il tuo divino

patto già scese agli uomini in un Uomo,

e camminò fra noi, statura colma

onde s’articolò (nostra parola!)

il Verbo eterno entro la propria casa.

In Lui le Voci. E, angelicato, il sangue

nostro sostanzierà tutti i segreti

del regno suo: totalità d’amore.

 

Arturo Onofri

(Dipinto di Arild Rosenkrantz)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito