Singulto al Mattino Dissolto (Massimo Scaligero)

Singulto al Mattino Dissolto Massimo Scaligero

________________________________________________________________________________________________

Singulto al mattino dissolto.
Per inattesa venerazione,
disceso di me nel profondo,
assorbito nel fondamento,
l’essere alla quiete abbandono.

D’esistere ormai inconsapevole,
congedo il tramare del mondo:
come foglia che cada
lieve vagante, discendo
verso l’invisibile centro.

Dolce dimenticanza
d’ogni compunto anelare,
fiorisce inavvertita
l’assente contemplazione.

L’asceta è occhio che guarda,
senza sapere di sé.

Vacanza pura, specchio dell’immenso:
inesauribile
determinazione del nulla.

Massimo Scaligero

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito