Ricorso alla Corte Costituzionale su incostituzionalità DPCM e Conflitto di attribuzione

Nogeoingegneria Com Climate Change Geopolitica Ricorso

Insieme agli avvocati #Moriggia#Sandri#Polacco#Musso e #Giordano ho depositato un ricorso alla Corte Costituzionale sull’inconstituzionalità dei Decreti Legge su cui poggiano i vari DPCM e sul conflitto di attribuzione dei poteri in atto.

Dopo quasi un anno dall’inizio di questa fantomatica pandemia, i numeri e i fatti, ormai, parlano da soli: non sussiste alcuna emergenza per la salute pubblica dovuta al virus covid-19.

Esiste, invece, un gravissimo problema concernente l’enorme carenza e l’inadeguatezza del nostro sistema sanitario nazionale. Carenza causata dalla negligenza dello stesso governo e da decenni di politiche sanitarie criminali, che hanno provocato le condizioni in cui ci troviamo ora.

I provvedimenti legislativi emanati da marzo a oggi sono tutti alterati dall’illegittimo richiamo all’articolo 32 della Cost. a tutela della salute pubblica. Ma quale salute pubblica?

A fronte di una sindrome simil-influenzale le fasce più deboli e le persone più anziane, sono state letteralmente abbandonate, segregate in condizioni psicologicamente disumane e lasciate senza cure specifiche per le ben più gravi malattie di cui sono affette.
Quando queste decedono, tuttavia, vengono registrate come morte per #covid solo perché risultate positive al tampone. Un tampone, è bene ricordarlo, fallace oltre ogni limite scientificamente accettabile e privo di comprovato potere diagnostico. Invece di aggrapparsi all’art. 32 della #Costituzione, come presupposto per la violazione di altri diritti costituzionali, uno Stato democratico dovrebbe mettere a disposizione di ciascun cittadino un sistema sanitario in condizioni di fornirgli adeguate cure garantendo standard di livello compatibile con le migliori conoscenze scientifiche periodicamente aggiornate. L’art. 32 Cost. è diventato invece la foglia di fico per azzerare tutti gli altri diritti costituzionali, naturali, scolpiti a chiare lettere nella nostra Carta ed in quella dei diritti dell’Uomo e della Carta di Nizza. E il governo è ben consapevole di questo. Perciò si guarda bene dal garantire al parlamento di svolgere la propria funzione concedendo ai parlamentari la concreta possibilità di partecipare all’effettivo dibattito e al voto sulle misure emergenziali adottate fino ad oggi, in palese violazione quindi degli artt. 67-68-70-71-72 Cost.

Confido quindi che la Corte Costituzionale s’impegni ad annullare tutti i DPCM ed i DM perché lesivi delle prerogative dei singoli parlamentari in quanto rappresentanti del popolo sovrano; a dichiarare l’incostituzionalità dei decreti legge e delle relative leggi di conversione per contrasto con la Costituzione Italiana e a far luce sulle vicende che in questo funesto periodo stanno oscurando l’ordine democratico della Repubblica. Il metodo usato dal Governo e dai loro accoliti di attuare questa proliferazione normativa caratterizzata dalla compulsività impedisce al potere legislativo, ma anche Giudiziario di potersi esprimere ed attuare secondo la superiore Legge Costituzionale.

Mi appello quindi a tutti gli On. Colleghi che sono stati chiamati a rappresentare il popolo italiano, ad essere fedeli alla Repubblica ed a rispettarne la Costituzione e le leggi: ora è il momento di agire, non vi saranno prove d’appello e l’inattività sarà considerata complicità dai posteri e da chi un giorno sarà chiamato a giudicare il nostro operato.

Questo ricorso è a disposizione di tutti quei parlamentari che, in uno slancio di dignità e coscienza, vogliano ancora tener fede al proprio impegno.

Edoardo Polacco

Nino Moriggia

ComiCost

Lillo Massimiliano Musso

Mauro Sandri

@avvocato giordano

FONTE https://www.facebook.com/saracunial.camera

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito