Negare l'evidenza

Scrive oggi El Pais: “L’imam che organizzò la strage di Barcellona era un informatore degli 007 spagnoli”...

Dunque Abdelbaki Es Satty, la mente della cellula jihadista che ha messo a segno l’attentato di Barcellona, era un informatore del Centro Nacional de Inteligencia, i servizi segreti spagnoli.
Lo scrive El Pais, e lo confermano fonti degli 007, senza indicare fino a quando si è prolungata la collaborazione.
Guarda guarda, un informatore, un uomo controllato e pagato dai Servizi.
Uno che in teoria non avrebbe neppure potuto soffiarsi il naso senza essere controllato e registrato.
E invece ha istruito ed addestrato un gruppo di giovani terroristi.
L’imam di Ripoll era - che combinazione - in stretto contatto con l’Isis - sempre mentre avrebbe dovuto essere sotto stretta sorveglianza da parte dei Servizi - e stava organizzando un grande attentato contro la Sagrada Familia a Barcellona.
Poi qualcosa è andato storto e ha ripiegato sul furgone falcia-passanti.
 
Ora, come può essere credibile una storia del genere?
 
Delle due l'una: o i Servizi spagnoli sono talmente incapaci da non sapere cosa fa un loro informatore oppure è al loro interno che va cercata la vera mente dell'attentato di Barcellona.
Tertium non datur.
In ogni caso Es Satty non può dire la sua perché - guarda tu le coincidenze - nel frattempo è morto nell’esplosione della casa di Alcanar mentre preparava un nuovo attentato... 
Peraltro un pattern ormai talmente abituale da apparire banale.
Ma tanto la gente continuerà a negare anche l'evidenza ed a dividere il mondo tra buoni e cattivi: buoni servitori dello Stato e cattivi terroristi...e voi?
 
Vota questo articolo
(7 Voti)
Ultima modifica il Lunedì, 20 Novembre 2017 12:55
Negare l'evidenza - 4.4 out of 5 based on 7 votes

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Piero Cammerinesi
Chi Sono 

About me

 

 

Multilanguage content

en ENGLISH    de DEUTSCH

(You need to be logged in to see part of the content of this website. Please Login to access Biblioteca)