Metaverso ed Abolizione dell’Uomo

WEF Metaverse Digital Body Feature

Il WEF lancia l’iniziativa “Metaverse” e prevede che le vite digitali diventeranno “più significative per noi delle nostre vite fisiche”.

 

Il World Economic Forum e le principali aziende internazionali hanno lanciato il mese scorso l’iniziativa “Defining and Building the Metaverse” [Definire e costruire il metaverso], con gli azionisti delle aziende che si contendono un ruolo nella definizione, nello sviluppo e nel vantaggio della tecnologia.

Come suggerisce il nome dell’iniziativa, le parti interessate stanno ancora definendo esattamente il significato del termine “metaverso“.

Tuttavia, secondo il WEF, in parte il metaverso implica un momento

“in cui le nostre vite digitali – le nostre identità, esperienze, relazioni e beni online – diventano più significative delle nostre vite fisiche”.

Una persona presente ai colloqui, Julia Goldin, Chief Product & Marketing Officer della LEGO, ha espresso ottimismo su come il metaverso potrebbe aiutare lo sviluppo dei bambini:

“Per noi la priorità è contribuire a creare un mondo in cui possiamo offrire ai bambini tutti i vantaggi del metaverso – un mondo in cui le esperienze immersive, la creatività e l’espressione di se stessi sono al centro – in un modo che sia anche sicuro, che protegga i loro diritti e che promuova il loro benessere”.

Se da un lato gli interventi si sono concentrati su come definire definitivamente il termine “metaverso”, dall’altro ci si è concentrati molto su chi dovrebbe essere coinvolto nel suo sviluppo e potenzialmente trarne profitto.

I partecipanti ai colloqui si sono posti l’obiettivo di

“sviluppare e condividere strategie attuabili per creare e governare” un metaverso “interoperabile e sicuro”.

Sono state inoltre condotte ampie discussioni per fornire

“indicazioni su come creare un metaverso etico e inclusivo, coinvolgendo organizzazioni del settore pubblico e privato, comprese le imprese, la società civile, il mondo accademico e le autorità di regolamentazione”.

Il WEF ha descritto l’iniziativa come un “incontro di voci di spicco del settore privato, della società civile, del mondo accademico e della politica” per “definire i parametri” del futuro sviluppo del metaverso.

Una sessione del 25 maggio – “Shaping a Shared Future: Making the Metaverse”  [Dare forma a un futuro condiviso: creare il Metaverso] – ha visto la partecipazione dei seguenti relatori:

Chris Cox, Chief Product Officer della società madre di Facebook, Meta.
Peggy Johnson, CEO di Magic Leap, descritta dal WEF come “un’azienda di calcolo spaziale che sta costruendo la prossima piattaforma informatica”.
Philip Rosedale, fondatore di Linden Lab, che ha sviluppato il mondo virtuale “Second Life”, acquisito in aprile da Meta.
Andrew R. Sorkin, editorialista finanziario del New York Times e co-conduttore di “Squawk Box” della CNBC.
Omar Sultan Al Olama, ministro di Stato per l’intelligenza artificiale negli Emirati Arabi Uniti, nominato nel 2017.
Nick Clegg, presidente di Meta per gli affari globali e già vice primo ministro del Regno Unito, ha dichiarato che l'”iniziativa multistakeholder” mira ad assumere un ruolo di primo piano nella creazione e nella configurazione del metaverso.

 


Il WEF ha dichiarato che le prime parti interessate svolgeranno un ruolo particolarmente significativo in questo processo:

Defining and Building the Metaverse” è la prima iniziativa multi-investitori al mondo per sviluppare e condividere strategie attuabili per creare e governare il metaverso.

Fornendo uno spazio ai leader mondiali dell’industria, della società civile e del governo, l’iniziativa condividerà e accelererà le intuizioni e le soluzioni che daranno vita al metaverso.

“Aderendo all’iniziativa, i membri svolgono un ruolo fondamentale nella definizione e nella costruzione del metaverso”.

Costruire un “metaverso” che non è ancora stato definito in modo definitivo

Anche se, come suggerisce il nome, parte dell’obiettivo dell’iniziativa è definire il “metaverso”, il WEF ha offerto questa definizione molto ampia e generale:

” … un futuro ambiente virtuale persistente e interconnesso in cui gli elementi sociali ed economici rispecchiano la realtà. Gli utenti possono interagire con esso e tra di loro simultaneamente attraverso dispositivi e tecnologie immersive, mentre si impegnano con beni e proprietà digitali”.

Questo amplia la definizione “più semplice” di metaverso fornita dal WEF, che lo descriveva come

“un ambiente virtuale unificato e persistente a cui si accede tramite tecnologie di realtà estesa (XR)”.

Secondo il WEF, il metaverso è più utile “come lente attraverso la quale osservare la trasformazione digitale in corso”, basandosi sulla convinzione che “i mondi virtuali, che incorporano dispositivi connessi, blockchain e altre tecnologie saranno così comuni che il metaverso diventerà un’estensione della realtà stessa”.

Definizioni più specifiche del metaverso, tuttavia, “possono svilupparsi in molti modi, a seconda della ricerca, dell’innovazione, degli investimenti e delle politiche”, ha affermato il WEF.

Secondo il WEF, il metaverso “può essere classificato in tre scuole di pensiero”, che comprendono:

  • Il metaverso “come prodotto o servizio”.
  • Il metaverso “come luogo in cui gli utenti possono connettersi, interagire e trasferire se stessi e i propri beni in più luoghi digitali”, come “piattaforme di gioco e creatori”.
  • Il metaverso come un momento “in cui le nostre vite digitali – le nostre identità, esperienze, relazioni e beni online – diventano più significative delle nostre vite fisiche” – una definizione descritta dal WEF nel suo articolo come “convincente”.

Nonostante la definizione ambigua del concetto di metaverso da parte del WEF, l’organizzazione è decisa nel prevedere il suo impatto e il suo valore per le aziende e le imprese più importanti (del mondo reale):

“Questo avrà un impatto significativo sulla società. Proprio come Internet e gli smartphone hanno trasformato le nostre interazioni sociali e commerciali, il metaverso potrebbe cambiare il modo in cui le persone e le imprese comunicano e operano, in modi innovativi e imprevedibili”.

La nuova iniziativa del WEF si concentrerà su due aree chiave, o “piste d’azione”: la governance del metaverso e la generazione di “valore economico e sociale”. Il WEF “esplorerà temi che riguardano i quadri normativi, le scelte tecnologiche e le opportunità economiche”.

Più specificamente, la “governance dei metaversi” si riferisce all’impegno dei membri dell’iniziativa di raccomandare “quadri di governance per ecosistemi metaversi interoperabili, sicuri e inclusivi”.

Secondo il WEF,

“ciò implica la ricerca di un’armonizzazione tra regolamentazione e innovazione, al fine di sviluppare l’interoperabilità preservando la privacy e la sicurezza degli utenti”.

A sua volta, per “generare valore economico e sociale” i membri dell’iniziativa dovranno condividere e accelerare “le intuizioni e le soluzioni che daranno vita al metaverso”.

Il WEF ha dichiarato che

“nel farlo, mapperanno nuove catene di valore e modelli di business tra i vari settori, identificando elementi e casi d’uso che offrono opportunità economiche”.

Gli azionisti dell’industria guardano al potenziale di profitto del ‘metaverso’.

La traccia d’azione dell’iniziativa “generare valore economico e sociale” smentisce ciò che potrebbe essere al centro degli sforzi del WEF per stabilire le regole d’ingaggio nel metaverso mentre questo è ancora allo stato nascente.

Finora hanno aderito all’iniziativa più di 60 “azionisti” aziendali, tra cui diverse Big Tech come Meta, Microsoft, l’azienda taiwanese di elettronica di consumo HTC e Sony Interactive, oltre a Walmart e LEGO Group, nonché accademici e rappresentanti della società civile.

Molti di questi soggetti potrebbero essere attratti dal potenziale di crescita del mercato dei metaversi, che secondo le previsioni di Bloomberg raggiungerà gli 800 miliardi di dollari entro il 2024.

Gli esempi sono già evidenti. Per esempio, secondo il WEF, il popolare videogioco Fortnite

“vende ai giocatori oltre 3 miliardi di dollari di articoli cosmetici digitali ogni anno, diventando così un’azienda di abbigliamento più grande, per fatturato, di diverse case di moda globali”.

Dato il potenziale di mercato, non sorprende che i dirigenti di diverse aziende Big Tech e dello stesso WEF abbiano elogiato calorosamente la nuova iniziativa del WEF.

Ad esempio, Jeremy Jurgens, direttore generale del WEF, ha dichiarato:

“L’iniziativa ‘Definire e costruire il metaverso’ fornisce all’industria un kit di strumenti essenziali per costruire il metaverso in modo etico e responsabile.

“Ciò contribuirà a garantire che possiamo sfruttare appieno questo mezzo vitale per l’interconnettività sociale ed economica in modo inclusivo, etico e trasformativo”.

Clegg di Meta ha aggiunto:

“Il metaverso è in una fase iniziale del suo sviluppo. Fatto bene, il metaverso potrebbe essere una forza positiva per l’inclusione e l’equità, colmando alcuni dei divari che esistono negli spazi fisici e digitali di oggi.

Ecco perché l’iniziativa “Definire e costruire il metaverso” sarà così preziosa. Non deve essere modellato dalle aziende tecnologiche da sole. Deve essere sviluppato apertamente con uno spirito di cooperazione tra il settore privato, i legislatori, la società civile, il mondo accademico e le persone che utilizzeranno queste tecnologie.

“Questo sforzo deve essere intrapreso nell’interesse delle persone e della società, non delle aziende tecnologiche”.

Brad Smith, presidente e vicepresidente di Microsoft, ha osservato:

“Anche se il metaverso è in fase nascente, crediamo che abbia il potenziale per offrire connessioni migliori a tutti.

“Come industria, spetta a tutti noi garantire che questo nuovo paradigma sia sviluppato in modo accessibile a tutti, che metta al primo posto le esigenze delle persone, che migliori le connessioni umane e che sia sviluppato in modo sicuro, con la fiducia incorporata dalla progettazione”.

Cher Wang, fondatrice e presidente di HTC, ha descritto il metaverso come “inevitabile“, affermando che:

“Il metaverso è il prossimo passo inevitabile nell’evoluzione di Internet, ma richiederà una collaborazione completa tra tutti gli attori dell’ecosistema per renderlo un ambiente aperto, sicuro e protetto”.

“Per questo motivo, l’iniziativa del Forum rappresenta un solido inizio per affrontare i fondamenti tecnologici e politici fondamentali per consentire al metaverso di realizzare il suo sconfinato potenziale”.

Allo stesso modo, Peggy Johnson di Magic Leap ha espresso entusiasmo per le trasformazioni che il metaverso potrebbe apportare, anche in settori come la sanità:

I”n Magic Leap siamo entusiasti di come tecnologie come la realtà aumentata trasformeranno il nostro modo di vivere e lavorare, soprattutto in settori in crescita come la sanità, la produzione e il settore pubblico”.

“Per realizzare il potenziale di queste tecnologie, è necessario un quadro normativo ponderato che protegga gli utenti e faciliti l’innovazione futura, con il sostegno di tutte le parti interessate, tra cui imprese, consumatori, governo, ONG e mondo accademico.”

Yat Sui, cofondatore e presidente di Animoca Brands, una società di software per videogiochi con sede a Hong Kong, ha descritto il potenziale del metaverso nel regno della “proprietà digitale”:

“Animoca Brands è lieta di far parte dell’iniziativa inaugurale sul metaverso lanciata dal World Economic Forum e non vediamo l’ora di dialogare con i nostri colleghi del settore per esplorare il potenziale della vera proprietà digitale nel metaverso aperto”.

Altri, come il dottor Inhyok Cha, CEO della società sudcoreana di gestione dei servizi IT CJ Olive Networks e group chief digital officer di CJ Corporation, hanno lodato la nuova iniziativa del WEF per il suo potenziale nell’aiutare le parti interessate a superare “complessità impreviste”.

“Il rapido avanzamento e l’adozione del metaverso creeranno complessità inaspettate in termini di governance, etica, effetti sociali e industriali.

“Pertanto, sarà fondamentale la necessità di un’intelligenza collettiva per anticipare, analizzare, progettare, sperimentare e rivedere costantemente le misure e i quadri di governance”.

Chi governerà il “metaverso”?

Le osservazioni di Inhyok riflettono gli interrogativi riconosciuti anche dal WEF su chi “governerà” il metaverso e in che modo.

In particolare, il WEF descrive la governance del metaverso come

“una sfida multiforme che deve considerare l’interoperabilità, la privacy, la sicurezza e la protezione”.

Secondo il WEF, i “modelli di governance del mondo reale” rappresentano una possibile opzione per la governance del metaverso.

Tuttavia, lungi dal riferirsi a istituzioni di governance costituzionalmente definite, con controlli ed equilibri, il WEF cita l'”Oversight Board” di Facebook come esempio di tale “modello di governance del mondo reale”.

Tuttavia, secondo il WEF, “non tutti i legislatori sono soddisfatti” di tali modelli, citando, ad esempio, le nuove normative come il Digital Services Act dell’Unione Europea, che controllerà la moderazione dei contenuti e la “disinformazione” sulle piattaforme di social media.

Altri potenziali modelli di governance citati dal WEF includono sistemi basati sugli utenti e modellati sulla tecnologia blockchain e sui token non fungibili (NFT).

Aziende tecnologiche desiderose di sviluppare le tecnologie del “metaverso” futuro

Per le aziende Big Tech, la potenziale redditività e i flussi di entrate offerti dal metaverso vanno di pari passo con la capacità delle aziende di sviluppare le tecnologie che saranno utilizzate per creare il metaverso.

Infatti, secondo il WEF,

“le principali aziende tecnologiche, tra cui Apple, Google, Meta Platforms (Facebook), Microsoft, Niantic e Valve, stanno sviluppando le tecnologie che daranno forma al futuro del metaverso”.

Il WEF aggiunge che il metaverso sarà plasmato da tre potenziali innovazioni tecnologiche, tra cui

“la realtà virtuale (VR), la realtà aumentata (AR) e le interfacce cervello-computer (BCI)”.

Mentre la VR e l’AR possono essere familiari a molti, la BCI rappresenta la più ambiziosa di queste tre piste tecnologiche – e potrebbe smentire le vere intenzioni del WEF e degli “stakeholder” di questa nuova iniziativa.

In particolare, la BCI mira a “sostituire completamente gli schermi e l’hardware fisico”.

Il WEF fa riferimento a tecnologie come Neuralink, che “richiede un intervento di neurochirurgia per impiantare dispositivi nel cervello”, come esempio di BCI.

Durante l’incontro, il presidente del gruppo Alibaba J. Michael Evans ha parlato con entusiasmo di “tracker individuali dell’impronta di carbonio”, che assomigliano alla tecnologia “personal carbon allowance” di cui ha parlato in precedenza The Defender.

Allo stesso modo, il CEO di Nokia Pekka Lundmark ha previsto che entro il 2030

“gli smartphone saranno impiantati direttamente nel corpo”,

facilitando sicuramente l’espansione del metaverso.

Michael Nevradakis

Fonte

Tradotto dall’inglese da Piero Cammerinesi per LiberoPensare

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Facebook
Pinterest
Twitter
Email
Telegram
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito