Io_sono.jpg

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Io sono il bellicoso Acheo dall’occhio lampeggiante
E il cereo Troiano, dopo lo scempio reso al padre.
Io sono il minuto Indiano che ha liberato il continente
E il vile assassino che il sogno ha frantumato.
Io sono il Siracusano che ha sollevato il mondo
E l’oscuro miles, che il petto ne ha squarciato.

Io sono il bimbo affogato sulla spiaggia
E il torvo trafficante d’uomini sul mare.
Io sono il soldato ebbro di birra e di bandiere
E la fanciulla stuprata tra i rifiuti.
Io sono la giovane in fuga dall’oltraggio
E l’amante che ne ha spezzato il volo.

Io sono la vittima e il carnefice,
Il santo e l’assassino,
Il saggio e l’incosciente,
La preda e il predatore.

Serrati avevo i brevi pugni quando nacqui,
Socchiusi gli occhi a ricercar sembianze
D’una obliata tessitura d’anni.
Mi tradì il grido ed il singhiozzo,
L’affanno di portare sulle spalle
Grave, il fardello del ritorno.

Piero Cammerinesi
(Capena, gennaio 2016)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito