Imaginare

Quando chiudiamo gli occhi e ci facciamo delle immaginazioni usciamo per alcuni momenti dalla ferrea realtà che ci incatena inesorabilmente alla terra e alle percezioni dei sensi. 

Le immaginazioni possono essere luminose ma anche terribilmente oscure. 

Possiamo immaginare l’amore più disinteressato per l’essere amato ma anche l’odio più feroce per i nostri simili. 

Possiamo farci delle immaginazioni aderenti alla realtà – interiore o esteriore – e quindi giuste, o contraddicenti la realtà.

La trama immaginativa è neutra, dipende cosa ci tessiamo; è un po’ come il linguaggio. 

Nel linguaggio la trama è costituita dalle lettere a,b,c,d… 

Con esse si possono scrivere le peggiori bestemmie o le più elevate liriche. Sempre da lettere sono costituite. 

Non è nelle lettere dell’alfabeto né nelle immaginazioni il bene o il male. 

Sia le parole che le immaginazioni creano il mondo.

Piero Cammerinesi

* * *

El que lee mís palabras está inventándolas

(Jorge Luis Borges)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito