Il sistema produce la realtà, ovvero la “nuova normalità”

Mask Mannequins Cc0 Public Domain

L’obiettivo finale di qualsiasi sistema totalitario è stabilire il controllo completo sulla società e su ogni individuo al suo interno per raggiungere l’uniformità ideologica ed eliminare ogni deviazione da quella.
Questo obiettivo non potrà mai essere raggiunto, ovviamente, ma è la ragion d’essere di tutti i sistemi totalitari, indipendentemente dalle forme e dalle ideologie che adottano. Puoi mascherare il totalitarismo con le uniformi naziste disegnate da Hugo Boss, abiti da Mao o maschere per il viso dall’aspetto medico, puoi presentare bandiere arcobaleno e simboli LGBT, l’obiettivo centrale del sistema rimane lo stesso: rifare il mondo nella sua immagine paranoica … per sostituire la realtà con la sua stessa “realtà fantastica”.

Attualmente siamo nel mezzo di questo processo, motivo per cui tutto sembra così folle.

Le classi dirigenti capitaliste globali stanno implementando una nuova ideologia ufficiale, in altre parole, una nuova “realtà”. Ecco cos’è un’ideologia ufficiale. È più di un semplice insieme di credenze. Chiunque può avere le convinzioni che desidera. Le tue convinzioni personali non sono “realtà”. Per rendere “realtà” le loro convinzioni devono avere il potere di imporle alla società. Ci vuole il potere della polizia, dell’esercito, dei media, degli “esperti” scientifici, dell’accademia, dell’industria culturale, dei centri educativi, dell’intera macchina creatrice di ideologie.

Non c’è niente di sottile in questo processo. Smantellare una “realtà” e sostituirla con un’altra è un’impresa brutale. Le società si abituano alle loro “realtà”. Non ci affidiamo volontariamente o facilmente a tutto questo. In genere ciò che ci serve per farlo è una crisi, una guerra, uno stato di emergenza o… sai, una mortale pandemia globale.

Durante il passaggio dalla vecchia “realtà” alla nuova “realtà”, la società è lacerata. La vecchia “realtà”  viene smantellata e la nuova non ha ancora preso il suo posto. Sembra una follia e, in un certo senso, lo è. Per un po’, la società si divide in due, mentre le due “realtà” combattono per il dominio. Essendo la “realtà” quello che è (cioè monolitica), questa è una lotta all’ultimo sangue. Alla fine, solo una “realtà”, per quanto artificiale, può prevalere.

Questo è il periodo cruciale per il movimento totalitario. Devi negare la vecchia “realtà” per implementare la nuova, e non puoi farlo con la ragione e i fatti, quindi devi farlo con la paura e la forza bruta. Ha bisogno di terrorizzare la maggioranza della società in uno stato di isteria di massa insensata che può rivoltarsi contro coloro che resistono alla nuova “realtà”. Non si tratta di persuadere o convincere le persone ad accettare la nuova “realtà”. È più come guidare una mandria di bestiame.
Li spaventi abbastanza da farli muovere, poi li guidi dove vuoi che vadano. I bovini non sanno né capiscono dove stanno andando. Stanno semplicemente reagendo a uno stimolo fisico. I fatti e la ragione non c’entrano niente.

Elite di potere transnazionale

E questo è ciò che è stato così incredibilmente frustrante per quelli di noi che si oppongono al lancio della “Nuova Normalità”, che si tratti di sfatare la narrativa ufficiale di Covid-19, o “Russiagate”, o “US Capitol Assault”. USA » o qualsiasi altro elemento della nuova ideologia ufficiale.

E, sì, tutto è un’ideologia, non “comunismo” o “fascismo” o qualsiasi altra nostalgia, ma l’ideologia del sistema che realmente ci governa, il capitalismo globale sovranazionale. Viviamo nel primo sistema ideologico egemonico della storia umana. Ci siamo stati negli ultimi 30 anni. Se sei schizzinoso riguardo al termine “capitalismo globale”, vai avanti e chiamalo “globalismo” o “capitalismo clientelare” o “corporativismo” o qualsiasi altro nome ti serva. In qualunque modo tu lo chiami, è quello.

In ogni caso, quello che è stato così incredibilmente frustrante è che molti di noi hanno operato nell’illusione di essere impegnati in una discussione razionale dei fatti (per esempio, i fatti del Russiagate, Literal-Hitlergate, l’11 settembre, le armi di Saddam di distruzione di massa, Douma (attacco chimico), l’”insurrezione” del 6 gennaio, la narrativa ufficiale del Covid, ecc.) Non è affatto quello che sta accadendo. I fatti non significano assolutamente nulla per i sostenitori dei sistemi totalitari.

Puoi mostrare ai “Nuovi Normali” i fatti quanto vuoi.
Puoi mostrare loro le foto false di persone morte per le strade della Cina nel marzo 2020.
Puoi mostrare loro i falsi tassi di mortalità previsti e la manipolazione delle statistiche.

Puoi spiegare come funzionano i test PCR fasulli, come le persone sane erano considerate “casi medici”.
Puoi mostrare loro tutti gli studi sull’inefficacia delle maschere.
Puoi spiegare le cifre fasulle di “ricovero” e “morte”, inviare loro articoli su “ospedali di emergenza” inutilizzati, età insignificante e tassi di mortalità adeguati alla popolazione, citare i tassi di sopravvivenza per le persone sotto i 70 anni, i pericoli e l’inutilità di vaccinare i bambini.
Niente di tutto questo farà la minima differenza.

Oppure, se hai accettato la narrativa di Covid-19, ma non hai completamente abbandonato le tue facoltà critiche, puoi fare ciò che Glenn Greenwald ha fatto di recente. Può mostrare come i media aziendali abbiano intenzionalmente mentito, più e più volte, per alimentare l’isteria di massa sul “terrorismo interno”. Puoi mostrare alla gente video di “terroristi domestici violenti” che entrano silenziosamente in Campidoglio in fila indiana, come un gruppo di turisti delle scuole superiori, dopo che i membri della Capitol Security li hanno fatti entrare. Potrebbe screditare il famigerato “omicidio dell’estintore” di Brian Sicknik che non è mai realmente accaduto. Potresti sottolineare che la convinzione che poche centinaia di persone disarmate che attraversano il Campidoglio sia da qualificare come “insurrezione”,

Si potrebbe andare avanti, e sono sicuro che lo farò poiché l’ideologia della “nuova normalità” diventerà la nostra nuova “realtà” nei prossimi anni. Il mio punto, per il momento, è… questo non è un argomento. Le classi dirigenti capitaliste globali, i leader di governo, i media aziendali e le masse della Nuova Normalità che hanno strumentalizzato non stanno discutendo con noi. Conoscono i fatti. Sanno che i fatti contraddicono le loro narrazioni.

A loro non importa. Non devono. Perché non si tratta di fatti. Si tratta di potere.

Rivolta Globale

Non sto dicendo che i fatti non contino. Certo che contano. Ci teniamo a loro. Sto dicendo, riconosciamo di cosa si tratta. Non è un dibattito o una ricerca della verità. I New Normal stanno smantellando una “realtà” e sostituendola con una nuova “realtà”. (Sì, so che la realtà esiste in un senso ontologico fondamentale, ma non è la “realtà” di cui sto parlando qui, quindi per favore non inviatemi email arrabbiate che criticano Foucault e la postmodernità.)

La pressione per adattarsi alla nuova “realtà” è già intensa e peggiorerà man mano che i vaccini, l’uso delle mascherine pubbliche, le chiusure periodiche, ecc. si normalizzeranno. Coloro che non si conformano saranno sistematicamente demonizzati, socialmente e/o professionalmente ostracizzati, segregati e puniti. Le nostre opinioni saranno censurate. Saremo “cancellati”, sfigurati, demonizzati e ridotti al silenzio in diversi modi. Le nostre opinioni saranno etichettate come “potenzialmente dannose”.
Saremo accusati di diffondere “disinformazione”, di essere “estremisti di estrema destra”, “razzisti”, “antisemiti”, “teorici della cospirazione”, “anti-vaccini”, “terroristi interni violenti, capitalisti anti-globali, ” o semplicemente “molestatori sessuali”, o qualunque cosa pensino che ci ferirà di più.

Questo accadrà sia in ambito pubblico che personale. Non solo i governi, i media e le aziende, ma anche i tuoi colleghi, amici e familiari lo faranno. Gli estranei nei negozi e nei ristoranti lo faranno. La maggior parte di loro non lo farà consapevolmente. Lo faranno perché il tuo disaccordo rappresenta per loro una minaccia esistenziale… una negazione della loro nuova “realtà” e un promemoria della realtà a cui si sono arresi per rimanere una persona “normale” ed evitare le punizioni sopra descritte.

Questa non è una novità, ovviamente. È così che si fabbrica la “realtà”, non solo nei sistemi totalitari, ma in ogni sistema sociale organizzato. Coloro che sono al potere strumentalizzano le masse per imporre la conformità con la loro ideologia ufficiale. Il totalitarismo è solo la sua forma più estrema e pericolosamente paranoica e fanatica.

Quindi certo, continua a postare e condividere i fatti, supponendo che tu possa superare i censori, ma non prendiamoci in giro su ciò che dobbiamo affrontare. Non stiamo svegliando i “Nuovi Normali” con i fatti. Se avessimo potuto, l’avremmo già fatto. Questo non è un dibattito civile sui fatti. Questa è una lotta. Comportati di conseguenza.

C.J. Hopkins

J. Hopkins è un drammaturgo, romanziere e satirico politico americano. Tra le sue opere ci sono le commedie “Horse Country”, “Screwmachine / eyecandy e The Extremists”. 1961, Miami, Florida, Stati Uniti

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito