Il criminale divieto dell’ivermectina

E58i90EUYAElUs1

Se l’Organizzazione Mondiale della Sanità è sotto controllo di Big Pharma e sta diffondendo informazioni che vanno contro la scienza medica, allora la salute pubblica è a grave rischio

Sebbene l’OMS insista sulla necessità di portare a termine ampi studi randomizzati e controllati (RCT) prima che l’ivermectina possa essere raccomandata, gli RCT in realtà non sono il gold standard in termini di prove scientifiche. Lo sono le meta-analisi.

Una meta-analisi di 24 RCT dimostra chiaramente che l’ivermectina produce riduzioni statisticamente significative della mortalità, del tempo di recupero clinico e del tempo di clearance virale.

Le campagne di distribuzione dell’ivermectina hanno anche portato a una rapida diminuzione della morbilità e della mortalità a livello di popolazione, il che indica che l’ivermectina è efficace in tutte le fasi del COVID-19.

Mentre l’OMS e i governi mondiali sono disposti a correre rischi quando si tratta dei nuove ondate COVID, insistono su standard di sicurezza ed efficacia ridicolmente elevati quando si tratta di farmaci non protetti da brevetto che hanno decenni di uso sicuro.

 


 

Il conduttore di DarkHorse Bret Weinstein , Ph.D., ha condotto un paio di interviste lunghe e davvero preziose nelle ultime settimane. Una era con uno specialista di polmoni e terapia intensiva, il dottor Pierre Kory, che è anche presidente e chief medical officer 1 della Frontline COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC). La FLCCC ha pubblicato tre diversi protocolli COVID-19, che includono tutti l’uso di ivermectina:

I-MASK+ 2 — un protocollo di prevenzione e trattamento domiciliare precoce

 

I-MATH+ 3 — un protocollo di trattamento in ospedale. Il razionale clinico e scientifico di questo protocollo è stato sottoposto a revisione paritaria ed è stato pubblicato sul Journal of Intensive Care Medicine 4 a metà dicembre 2020

 

I-RECOVER 5 — un protocollo di gestione a lungo termine per la sindrome a lungo raggio

In un altro episodio, Weinstein ha intervistato il dottor Robert Malone , l’inventore della tecnologia dei vaccini mRNA e DNA. 6
In entrambi i casi, YouTube ha eliminato i video. Perché? Perché hanno discusso della base scientifica che dimostra che l’ivermectina funziona contro il COVID-19 e i rischi delle terapie geniche COVID. Non importa il fatto che Kory e Malone siano i maggiori esperti ampiamente riconosciuti nei loro campi.

Sulla scia di questa rimozione mirata, il conduttore del podcast Joe Rogan ha invitato Weinstein e Kory per un “podcast di emergenza” sulla censura dell’ivermectina. Come notato da Weinstein in un tweet del 23 giugno 2021,

“La campagna di censura che oscura l’Ivermectina (come profilassi contro il SARS-CoV2 e come trattamento per il COVID-19) uccide”. 7

In effetti, ora sappiamo che il trattamento precoce è fondamentale per prevenire complicazioni, ricoveri, morte e/o sindrome a lungo raggio, quindi la censura di queste informazioni è imperdonabile e ha senza dubbio portato a morti inutili.

Che cos’è la disinformazione?

Come spiega Weinstein, ci sono molte cose che hanno un disperato bisogno di discussione. Per cominciare, c’è il problema delle linee guida della community e delle regole di pubblicazione di YouTube, che sono così vaghe che è impossibile determinare in anticipo se qualcosa verrà considerato in violazione.

Le violazioni, a loro volta, minacciano la capacità di persone come Weinstein di guadagnarsi da vivere. Tutta la sua famiglia dipende dal reddito generato attraverso il suo canale YouTube. Ora ha due attacchi contro di lui, in cui YouTube afferma di aver pubblicato “spam” e “disinformazione medica”. Ancora uno e l’intero canale verrà demonetizzato.

Un problema centrale qui è: chi determina cos’è disinformazione? YouTube ha preso la posizione che tutto ciò che va contro ciò che dice l’Organizzazione Mondiale della Sanità è disinformazione medica. Tuttavia, l’OMS non è sempre d’accordo con altre agenzie di sanità pubblica.

Ad esempio, l’OMS non raccomanda il farmaco remdesivir, ma i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie lo usano e praticamente tutti gli ospedali statunitensi usano abitualmente il farmaco sui pazienti COVID-19.

Un altro esempio in cui l’OMS e il CDC sono in disaccordo è il modo in cui il virus può essere trasmesso. Mentre il CDC ammette che SARS-CoV-2 è un virus aereo che si trasmette attraverso l’aria, l’OMS non cita l’aria come una forma di trasmissione.
Quindi, il CDC sta diffondendo disinformazione medica?


La censura è uno strumento di disinformazione

Come fa giustamente notare Weinstein, se l’OMS (o praticamente ogni agenzia di regolamentazione federale per quella materia) è stata presa in ostaggio ed è stata influenzata dall’industria – in questo caso Big Pharma – e sta pubblicando informazioni che vanno contro la scienza medica, allora questo è qualcosa che deve essere discusso ed esposto. Questo è esattamente ciò che ha fatto nei due episodi che YouTube ha cancellato.

Se un’organizzazione diffonde disinformazione medica e parlarne viene censurato, il risultato finale sarà devastante per la salute pubblica. Nel complesso, siamo in una situazione insostenibile, afferma Weinstein, poiché le persone stanno perdendo i propri mezzi di sussistenza semplicemente per discutere della scienza e presentare le prove.
Ai medici autorizzati e praticanti viene impedito di condividere conoscenze pratiche che possono salvare vite umane.

Il fatto che YouTube stia cambiando le regole in corsa è chiaro. Una delle interviste di Weinstein è stata considerata “spam”. Come può essere spam una discussione tra scienziati e professionisti medici altamente rispettati e ben accreditati? YouTube ovviamente non è stato in grado di determinare cosa non fosse corretto, quindi hanno semplicemente inventato una scusa per rimuovere il video.

O più probabilmente, sapevano esattamente cosa stavano facendo e lo hanno rimosso perché contrastava quello che sembra essere il loro programma principale, ovvero promuovere il vaccino contro il COVID.

Come notato nell’intervista citata all’inizio, la censura è in realtà una forma di disinformazione, definita come “informazione fornita per nascondere la verità effettiva”. Un perfetto esempio di ciò è la soppressione della teoria della fuga dal laboratorio. Per un anno e mezzo, a nessuno è stato permesso di discutere la possibilità che il SARS-CoV-2 abbia avuto origine in un laboratorio di Wuhan. Non si può sapere quante decine di migliaia di persone hanno perso i loro account sui social media, incluso il sottoscritto, perché hanno violato questa regola.

La teoria della fuga [del virus] dal laboratorio è stata “sfatata”, secondo tutti i fact checker supportati dal settore.
Ora, all’improvviso, le prove hanno in qualche modo messo radici e tutti ne parlano.
Gli esperti dei media mainstream si contorcono nelle loro sedie, cercando di spiegare perché hanno trascurato l’ovvio e respinto le prove per così tanto tempo.
Quello che ieri era “disinformazione” ora è “fatto”.

Chi ha deciso questo? Big Tech ha censurato fatti verificabili per un anno e mezzo, e ci sono tutte le ragioni per supporre che li abbiano censurati per conto di qualcuno.

Hanno grossolanamente male informato – anzi, disinformato – il pubblico, eppure non sono ritenuti responsabili per nulla di tutto ciò.

La produzione del consenso medico e scientifico

Come notato da Weinstein, l’idea che il consenso medico e scientifico possa essere stabilito apparentemente da un giorno all’altro nel mezzo di una pandemia che coinvolge un nuovo virus è semplicemente non credibile. Non può avvenire, perché il consenso scientifico e medico si sviluppa nel tempo, poiché gli esperti mettono in dubbio le reciproche teorie.

Un’ipotesi può sembrare buona, ma andrà in pezzi una volta che si aggiunge un’altra prova. Quindi, cambia nel tempo. Quello che è successo qui, tuttavia, nell’ultimo anno e mezzo, è che un consenso è stato stabilito all’inizio e le prove successive sono state semplicemente scartate come disinformazione.

Gli esempi di ciò sono numerosi. Prendete la vitamina D, per esempio. Sappiamo da tempo che la vitamina D influenza il sistema immunitario. Eppure il consenso fabbricato ha dichiarato la vitamina D irrilevante nel caso di COVID-19, e questa posizione rimane fino ad oggi, anche se decine di studi hanno ora dimostrato che la vitamina D svolge un ruolo cruciale negli esiti di COVID-19 in particolare.

La teoria della fuga dal laboratorio [di Wuhan]è un altro esempio. Il consenso fabbricato la dichiarò una sciocchezza, e finì lì. 

Le mascherine per il viso sono state dichiarate efficaci senza alcuna prova, e chiunque abbia sottolineato la discrepanza tra questa raccomandazione e ciò che la letteratura scientifica mostrava è stato semplicemente accusato di violare alcuni “standard comunitari” vagamente definiti.

Il consenso fabbricato ha dichiarato l’ idrossiclorochina e l’ ivermectina pericolose e/o inutili, dicendo che non possiamo rischiare di usare questi farmaci a meno che non si dimostrino sicuri ed efficaci in ampi studi randomizzati e controllati (RCT).

Come notato da Weinstein, corrono volentieri rischi quando si tratta dei nuovi vaccini COVID, ma applicano standard di sicurezza ed efficacia ridicolmente elevati quando si tratta di farmaci fuori brevetto che hanno decenni di uso sicuro.

C’è qualcosa di molto innaturale e antiscientifico in tutto questo, e questo solleva seri interrogativi sull’obiettivo. Qual è l’obiettivo dietro questi consensi fabbricati che secondo qualsiasi ragionevole standard si sono dimostrati difettosi o errati?

Nonostante tutti i discorsi sulla prevenzione della disinformazione pericolosa diffusa dalle persone comuni, i governi, Big Pharma, Big Tech e organizzazioni non governative che hanno una grande influenza sulle nazioni, si sono infatti impegnati nella più grande campagna di disinformazione nella storia umana.

La domanda è: perché?

Come ha ammesso Kory, nel tempo ha sviluppato un profondo cinismo nei confronti di molte delle agenzie e delle organizzazioni che dovrebbero proteggere la salute pubblica, perché le loro raccomandazioni e conclusioni non si adattano alla buona scienza. E, se ci fidiamo esclusivamente di loro, possiamo finire nei guai seri.

Il fatto è che ci deve essere un motivo per cui non seguono la scienza, e questo, molto probabilmente, è perché sono legati agli interessi finanziari. Se la scienza non supporta quegli interessi finanziari, viene ignorata.

Questo è il motivo per cui, in generale, c’è una linea di demarcazione molto chiara tra coloro che promuovono le idee dell’OMS, del CDC e della Food and Drug Administration degli Stati Uniti e coloro che non lo fanno.

Coloro che non sono d’accordo con il consenso fabbricato sono quasi esclusivamente indipendenti, nel senso che non dipendono finanziariamente da un’organizzazione, società o agenzia a cui i fatti sono scomodi.

Gli “eretici” tendono anche a promuovere prodotti da cui non possono trarre profitto, come l’idrossiclorochina e l’ivermectina, due farmaci che sono stati usati per così tanto tempo da non essere brevettati. In alternativa, consigliano prodotti naturali come la vitamina D, che è praticamente gratuita, soprattutto se la si ottiene da un’esposizione solare ottimale.

Le prove del gold standard supportano l’ivermectina

Come notato da Kory, mentre l’OMS insiste che grandi RCT debbano essere completati prima che l’ivermectina (o idrossiclorochina) possa essere raccomandata, gli RCT in realtà non sono il gold standard in termini di prove scientifiche. Le meta-analisi lo sono.

La ragione di ciò è che qualsiasi prova può essere distorta da un numero qualsiasi di fattori di protocollo. Quando si esegue una meta-analisi di diverse prove, anche se queste prove sono piccole, si hanno le migliori possibilità di rilevare segnali di pericolo o beneficio perché corregge i difetti nei vari protocolli.

Nel caso dell’ivermectina, FLCCC ha recentemente condotto una meta-analisi 8 di 24 RCT, che dimostra chiaramente che l’ivermectina produce

“grandi riduzioni statisticamente significative della mortalità, del tempo per il recupero clinico e del tempo per la clearance virale”.

Hanno anche scoperto che, se usata come preventivo, l’ivermectina “riduce significativamente i rischi di contrarre il COVID-19”. In uno studio, di quelli a cui è stata somministrata una dose di 0,4 mg per chilo il giorno 1 e una seconda dose il giorno 7, solo il 2% è risultato positivo per la SARS-CoV-2, rispetto al 10% dei controlli che non hanno ricevuto il farmaco.

In un altro, ai familiari dei pazienti risultati positivi sono state somministrate due dosi di 0,25 mg/kg, a distanza di 72 ore. Al follow-up due settimane dopo, solo il 7,4% dei membri della famiglia esposti che hanno assunto ivermectina è risultato positivo, rispetto al 58,4% di coloro che non hanno assunto ivermectina.

In un terzo, purtroppo non misto, la differenza tra i due gruppi era ancora maggiore. Solo il 6,7% del gruppo ivermectina è risultato positivo rispetto al 73,3% dei controlli. Tuttavia, secondo l’FLCCC,

“la differenza tra i due gruppi era così ampia e simile ai risultati degli altri studi di profilassi che è improbabile che i fattori confondenti da soli possano spiegare tale risultato”.

Il FLCCC sottolinea inoltre che le campagne di distribuzione dell’ivermectina hanno portato a “rapide diminuzioni della morbilità e mortalità a livello di popolazione”, il che indica che l’ivermectina è “efficace in tutte le fasi del COVID-19”. Ad esempio, in Brasile, tre regioni hanno distribuito ivermectina ai suoi residenti, mentre almeno altre sei non lo hanno fatto. La differenza nelle morti settimanali medie è netta.

A Santa Catarina, i decessi settimanali medi sono diminuiti del 36% dopo due settimane di distribuzione dell’ivermectina, mentre due regioni limitrofe del sud hanno registrato un calo di appena il 3% e il 5%. Amapa nel nord ha visto un calo del 75%, mentre l’Amazzonia ha avuto un calo del 42% e il Para ha visto un aumento del 13%.
È importante sottolineare che l’efficacia dell’ivermectina sembra anche in gran parte non influenzata dalle varianti, il che significa che ha funzionato su tutte le varianti che finora sono apparse in tutto il mondo.

Kory sottolinea anche che una volta che puoi vedere dalle prove cliniche che qualcosa funziona davvero, allora condurre gli RCT diventa immorale, poiché sai che stai condannando il gruppo di controllo a risultati scadenti o alla morte. Questo è, infatti, lo stesso argomento che i produttori di vaccini ora usano per giustificare l’eliminazione dei gruppi di controllo somministrando il vaccino a tutti.

Detto questo, si spera che le prove RCT per l’ivermectina provengano dallo studio PRINCIPLE britannico, 9 iniziato il 23 giugno 2021. L’ivermectina sarà valutata come trattamento ambulatoriale in questo studio, che sarà il più grande studio clinico fino ad oggi.

Come funziona l’ivermectina

Sebbene l’ivermectina sia meglio conosciuta per le sue proprietà antiparassitarie, ha anche proprietà antivirali e antinfiammatorie. Per quanto riguarda il modo in cui può aiutare contro l’infezione da SARS-CoV-2, gli studi 10 hanno dimostrato che l’ivermectina riduce la carica virale inibendo la replicazione.

In ” COVID-19: l’antiparassitario offre una speranza di trattamento “, rivedo i dati che mostrano che una singola dose di ivermectina ha ucciso il 99,8% di SARS-CoV-2 in 48 ore. Una recente meta-analisi 11 della dott.ssa Tess Lawrie ha rilevato che il farmaco ha ridotto l’infezione da COVID-19 in media dell’86% se usato in modo preventivo.

Uno studio osservazionale 12 del Bangladesh, che ha esaminato l’ivermectina come profilassi pre-esposizione per COVID-19 tra gli operatori sanitari, ha rilevato che solo quattro dei 58 volontari che hanno assunto 12 mg di ivermectina una volta al mese per quattro mesi hanno sviluppato lievi sintomi COVID-19 tra Maggio e agosto 2020, rispetto a 44 dei 60 operatori sanitari che avevano rifiutato il farmaco.

È stato anche dimostrato che l’ivermectina accelera il recupero, in parte inibendo l’infiammazione attraverso diversi percorsi e proteggendo dai danni agli organi. Questo, ovviamente, riduce anche il rischio di ospedalizzazione e morte, come confermato da diversi studi.

Le meta-analisi hanno mostrato riduzioni medie della mortalità che vanno dal 75% 13 all’83% 14 , 15 Il farmaco ha anche dimostrato di prevenire la trasmissione di SARS-CoV-2 se assunto prima o dopo l’esposizione. Quando si sommano tutti questi benefici, sembra abbastanza chiaro che l’uso di ivermectina potrebbe vaporizzare questa pandemia .

Dove potete saperne di più

Sebbene l’ivermectina appaia certamente una strategia utile, motivo per cui la sto trattando, non è la mia raccomandazione principale. In termini di prevenzione, credo che la soluzione migliore sia ottimizzare il livello di vitamina D, poiché il vostro corpo ha bisogno di vitamina D per un’ampia varietà di funzioni, inclusa una risposta immunitaria sana.

Per quanto riguarda il trattamento precoce, consiglio il trattamento con perossido di idrogeno nebulizzato, 16 , 17 che è economico, altamente efficace e completamente innocuo quando si utilizza la bassa concentrazione di perossido consigliata (dallo 0,04% allo 0,1%).

Detto questo, l’ivermectina e molti altri rimedi hanno sicuramente un posto, ed è bello sapere che esistono e funzionano bene. Nel complesso, non c’è davvero motivo di rimanere nel panico per il  COVID-19. Se volete saperne di più sull’ivermectina, ci sono diversi posti dove potete farlo, inclusi i seguenti:

Dodici esperti medici 20 provenienti da tutto il mondo, tra cui Kory, hanno condiviso le loro conoscenze, rivedendo il meccanismo d’azione, i protocolli per la prevenzione e il trattamento, inclusa la cosiddetta sindrome del lungo raggio, i risultati della ricerca e i dati del mondo reale. Tutte le lezioni, che sono state registrate tramite Zoom, possono essere visualizzate su Bird-Group.org 21

  • Un riassunto di una pagina di facile lettura e stampa delle prove di sperimentazione clinica per ivermectina può essere scaricato dal sito web FLCCC 22
  • Una revisione più completa di 31 pagine dei dati degli studi è stata pubblicata sulla rivista Frontiers of Pharmacology 23
  • Il sito Web FLCCC ha anche un’utile sezione FAQ in cui Kory e il Dr. Paul Marik, anche del FLCCC, rispondono a domande comuni sul farmaco e sul suo uso consigliato 24
  • Un elenco di tutti gli studi sull’ivermectina effettuati fino ad oggi, con collegamenti agli studi pubblicati, è disponibile su c19Ivermectin.com 25

Qui sotto un’intervista MOLTO importante!

Non perdete la mia intervista rivoluzionaria con il dottor Vladimir Zelenko del 4 luglio 2021. Discutiamo della possibilità molto concreta che tutti coloro che ricevono il vaccino COVID possano morire per complicazioni nei prossimi due o tre anni.

Dovreste prendervi il tempo per vedere questo scambio di informazioni di vitale importanza.
Condividiamo letteralmente informazioni che cambiano la vita, quindi assicuratevi di leggerle e condividerle con i vostri amici.

Ciò è in gran parte dovuto al fatto che ottenere il vaccino ora pone immediatamente l’individuo vaccinato nell’altissimo rischio di morire di COVID. La maggior parte delle persone ha la falsa certezza di essere protetta ma, in realtà, è molto più vulnerabile e, di conseguenza, non adotterà misure proattive molto serie per evitare di morire per innesco patogeno o potenziamento immunitario paradossale prima che sia troppo tardi.

Appunti

1  Alleanza FLCCC

2  Protocollo I-MASK+ dell’alleanza FLCCC

3  FLCCC MATH+ Protocollo ospedaliero

4  Journal of Intensive Care Medicine 15 dicembre 2020 DOI: 10.1177/0885066620973585

5  Protocollo FLCCC I-RECOVER

6  Notizie sul sito di prova 30 maggio 2021

7  Twitter Bret Weinstein 23 giugno 2021

8  American Journal of Therapeutics maggio/giugno 2021; Volume 28(3): e299-e318

9  Principletrial.org

10,  22  FLCCC Riepilogo delle prove cliniche per l’ivermectina in COVID-19 (PDF)

11  American Journal of Therapeutics 17 giugno 2021 [Epub prima della stampa]

12  European Journal of Medical & Health Sciences 2020; 2(6)

13  FLCCC 7 gennaio 2020 Comunicato stampa (PDF)

14  Swiss Policy Research 31 dicembre 2020

15  Evidence-Based Medicine Consultancy Ltd. Revisione rapida e meta-analisi 3 gennaio 2021 (PDF)

16  Scienza, politica di sanità pubblica e legge luglio 2020; 2: 4-22 (PDF)

17  Un approccio olistico ai virus del Dr. Brownstein

18  Consulenza medica basata sull’evidenza Ltd.

19  Conferenza Ivermectin per COVID

 Elenco dei 20 relatori della conferenza Ivermectin per COVID Conference

21  video della conferenza Bird-group.org

23  Frontiere della Farmacologia 2020 DOI: 10.3389/fphar.2021.643369

24  FAQ FLCCC su Ivermectin

25  c19Ivermectin.com

Joseph Mercola

Tradotto dall’inglese da Piero Cammerinesi per LiberoPensare

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito