I pericoli di Wikipedia e della rivoluzione digitale 

Wikipedia

Ieri un lettore mi ha avvisato del fatto che sono stato calunniato su Wikipedia come un “deciso sostenitore dell’attuale governo russo e delle sue politiche”. Il lettore riferisce anche che un articolo del Daily Beast mi definisce un “adoratore di Putin”. Il lettore afferma che ha cercato di modificare la voce di Wikipedia senza successo, e mi ha esortato ad occuparmi della questione. 

Non so se la persona che ha scritto la mia voce su Wikipedia intendeva diffamarmi o è semplicemente disinformata.
Tuttavia, le voci dissenzienti vengono diffamate su Wikipedia. È un problema costante per molti di noi. Per anni i lettori e le persone che mi conoscono hanno apportato delle correzioni alla mia biografia su Wikipedia, ma non appena le correzioni venivano fatte, venivano cancellate e le calunnie inserite nuovamente.
 

Il problema con Wikipedia è che è un approccio idealistico basato sulla convinzione che la verità ha più probabilità di emergere quando tutti hanno voce in capitolo rispetto a quando le spiegazioni sono fornite da un gruppo selezionato di esperti o di pari. Questo approccio idealistico ha sicuramente dei meriti. Inoltre, potrebbe funzionare molto bene con soggetti e persone che non hanno oppositori ideologici o che non sono una minaccia per quelli intenti a controllare le opinioni. 

Il problema sorge quando un soggetto o una persona è controverso ed è specialmente il caso se gli argomenti della persona confutano o dissentono dalle spiegazioni ufficiali.
Nella Matrix in cui viviamo, i truth-teller altrimenti detti “narratori di verità”, sono sgraditi a coloro che controllano le opinioni
per portare avanti le loro agende.
Fino a quando i truth-teller non possono essere messi a tacere o completamente censurati, la pratica è quella di screditarli con calunnie.
Così, io e molti altri siamo stati descritti come “complottisti” per aver riportato informazioni concrete che contraddicono la spiegazione ufficiale e non provata dell’11 settembre, antisemiti per aver criticato i maltrattamenti di Israele nei confronti dei palestinesi e l’influenza sulla politica estera degli Stati Uniti, e come “agenti russi” o “tirapiedi di Putin” per aver mantenuto la verità su Ucraina, Siria e lo sforzo di Putin di evitare un conflitto militare con l’Occidente.
 


Nell’era pre-Internet era difficile diffamare le persone. I direttori dei giornali permettevano alle “lettere alla direzione” di correggere errori fattuali o di fornire una diversa interpretazione di un insieme di fatti, ma evitavano le diffamazioni. Questo non significa che le diffamazioni non siano mai avvenute, ma non come nell’era di Internet. 

I work in process [lavori in corso] come Wikipedia, le sezioni dei commenti su Internet e i social media sono ideali per denigrare le persone e per diffondere le calunnie in tutto il mondo prima che arrivi una qualsiasi correzione. Così, la rivoluzione digitale è stata una manna dal cielo per le agenzie governative come la CIA, il Dipartimento di Stato, il Mossad, la Israel Lobby, le corporazioni e altri gruppi di interesse privati, i movimenti ideologici come il neoconservatorismo e l’Identity Politics, e i politici, che hanno tutti programmi che vengono promossi dal controllo delle opinioni.  

Poiché il denaro è il valore più alto per molte persone, c’è una schiera illimitata di persone che possono essere assunte per diffamare coloro che contestano le spiegazioni ufficiali.
Una diffamazione può iniziare in una sezione di commenti, passare ai social media, e da lì a un sito web e a Wikipedia.
 

 Sono coloro che dicono la verità ad essere diffamati, persone come Julian Assange, Edward Snowden, Manning, e gli informatori i cui messaggi sono scomodi per i potenti interessi privati e governativi. 

Le calunnie sono efficaci. Non c’è carenza di creduloni e di persone disinformate o male informate. Prendono una calunnia al valore nominale ed evitano la persona o l’idea calunniata. Nonostante l’estrema chiarezza della persecuzione orchestrata di Julian Assange, molti lo vedono come uno “stupratore in fuga dalla giustizia”, “spia russa” e “ricattatore di governi e persone”. 

In breve, il fango aderisce meglio dei fatti. Ecco perché non sono ottimista sul futuro della verità nell’era digitale. Molti vedono l’era digitale come l’era in cui la verità fiorirà. Capisco il loro punto di vista. La loro convinzione non è senza basi. Ma l’era digitale è anche un’era in cui le bugie possono fiorire perché, a differenza dell’era della stampa, possono essere diffuse così facilmente. 

Considerate, per esempio, la descrizione di me come un “deciso sostenitore dell’attuale governo russo e delle sue politiche” e un “adoratore di Putin”. Sono un noto critico delle politiche economiche neoliberali del governo russo. Michael Hudson e io abbiamo criticato insieme le politiche economiche neoliberali del governo russo e dimostrato che sono dannose per l’economia della Russia. Sono conosciuto anche come uno scettico sulla politica di Putin di porgere l’altra guancia alle aggressioni di Washington e Israele. Apprezzo e ammiro l’enorme autocontrollo di Putin, ma ho espresso la preoccupazione che l’indisponibilità di Putin ad imporsi con la forza non riesca ad allontanare l’ira e incoraggi invece più aggressioni che prima o poi sfoceranno in una guerra termonucleare.  

Il governo russo è consapevole della mia posizione, così come i media russi dove sono spesso intervistato. La mia posizione è anche chiaramente espressa sul mio sito web, che è letto a livello internazionale. Allora perché il Daily Beast e Wikipedia travisano la mia posizione? 

Wikipedia e le sezioni di commento possono funzionare solo se i commentatori sono persone responsabili che vengano attentamente monitorati da controllori competenti e responsabili. Ma questo ci riporta alle spiegazioni con revisioni analitiche inter-pares che Wikipedia è stata creata per evitare. 

Storicamente, i messaggeri vengono uccisi, quindi chi dice la verità deve aspettarsi diffamazioni o peggio: Julian Assange è stato arrestato questa mattina all’interno dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. L’umanità è caduta. I governi fanno il male. Il male maggiore viene fatto a coloro che si oppongono al male. La verità non può essere pronunciata senza costi per chi la pronuncia. 

Quando parlo di truth-teller, parlo di persone il cui movente è quello di dire la verità. La verità è il loro programma. Non sto dicendo che chi dice la verità è infallibile e ha sempre ragione. Sto dicendo che si sforzano di essere veritieri. Non scrivono intenzionalmente falsità e ingannano. 

La verità non è un’opinione. Non ha senso dire a un truth-teller che non siete d’accordo con lui. Potete presentare fatti che dimostrino che i suoi fatti sono sbagliati. Si può presentare motivazioni secondo cui c’è una spiegazione migliore dei fatti.  

Nella mia esperienza, quando la maggior parte delle persone dice di non essere d’accordo, intende dire che preferisce un’altra spiegazione che è più congeniale ai suoi sentimenti ed emozioni. 

Per esempio, molti americani hanno creduto all’assurda storia del Russiagate perché non amano Trump, proprio come oggi la talk radio conservatrice ha adottato la spiegazione ufficiale dell’11 settembre perché può essere usata contro la donna musulmana membro del Congresso. I fatti non hanno nulla a che fare con entrambe le convinzioni. In entrambi i casi, i fatti vengono nascosti perché la verità non è emotivamente confortante o utile per l’ordine del giorno come la bugia.

Non ho da fare alcuna obiezione se i lettori si impegnano a monitorare e correggere il mio profilo su Wikipedia. Sarà un processo continuo e richiederà l’impegno di molti di voi. Quelli che stanno dietro gli attacchi contro di me hanno molti soldi e molti mercenari, e possono cancellare il vostro lavoro non appena lo avete finito.  

La rivoluzione digitale e i meccanismi di controllo che fornisce rendono molto più probabile che finiremo in una distopia blindata di quanto sarebbe mai stato possibile nell’era della stampa. Ma la rivoluzione digitale rappresenta forse una minaccia ancora più grande per l’umanità. Sta rendendo gli esseri umani superflui. 

Cosa faranno gli umani quando tutto sarà automatizzato? Se i nerd tecnologici otterranno quello che vogliono, presto non ci sarà permesso di guidare le auto.  

Cosa faranno gli umani quando non ci sarà bisogno del loro lavoro? Boston Dynamics, una società di Waltham Massachusetts, ha inventato un robot che sostituisce i magazzinieri. La previsione è che nei prossimi dieci anni altri 40 milioni di americani perderanno il lavoro sostituiti dai robot. 

Qualcuno ha pensato a chi sarà impiegato e avrà i soldi per acquistare i prodotti dei robot? Senza dubbio ci verranno promessi tutti i tipi di lavori nuovi e migliori come quelli che ci sono stati promessi per prendere il posto dei lavori di produzione e servizi professionali delocalizzati. I posti di lavoro promessi non sono mai arrivati. E no, questo non è un argomento da luddisti. Non tutti possono essere impiegati a progettare robot per sostituire gli umani. 

Ogni magazzino si affretterà ad aumentare i suoi profitti licenziando dipendenti, e nessuno considererà l’effetto aggregato sulla domanda dei consumatori per i prodotti nei magazzini. I magazzini dovranno restituire i loro profitti guadagnati in tasse per sostenere i disoccupati? I magazzini avranno dei profitti se la gente non ha un reddito da lavoro con cui comprare i prodotti nei magazzini? L’era dei robot significa che i profitti devono essere socializzati per sostenere la vita umana? 

Un approccio intelligente alla tecnologia sarebbe quello di concentrarsi sulla tecnologia che migliora le prestazioni umane, non sulla tecnologia che elimina il bisogno di esseri umani. 

All’Università di Stanford è emersa, o sta emergendo, una tecnologia che permette di cambiare in tempo reale i movimenti della bocca di una persona mentre parla per trasmettere un messaggio diverso da quello che l’oratore sta dicendo. La potenziale malvagità di questa tecnologia è inaccettabile. La televisione potrebbe distruggere qualsiasi politico o leader sgradito mostrandogli un messaggio progettato per distruggerlo. Se la gente abboccasse, significherebbe la fine dei discorsi televisivi, poiché nessuno crederebbe a nessun discorso se non fosse presente di persona. 

La gente già trova difficile comprendere la realtà. L’emergere di una tecnologia capace di falsificare la realtà in tempo reale fa presagire un futuro in cui fatto e finzione diventano indistinguibili.
La conseguenza involontaria di questa tecnologia potrebbe essere la morte della verità.
 

Paul Craig Roberts 

Tradotto dall’inglese da Paola Tedde per LiberoPensare

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito