Prove tecniche di guerra di tutti contro tutti

Nel più classico schema del ‘problema, reazione, soluzione’ utilizzato per il controllo delle masse…

…oggi a Londra l’ennesimo autoveicolo si è schiantato sulla gente, causando un morto e 8 feriti.

Questa volta però non è Daesh – o Isis – ad aver ispirato l’autore del gesto ma apparentemente un uomo mosso da odio e spirito di vendetta nei confronti dei musulmani.

Una marionetta, insomma, manovrata da chi ha pazientemente e scrupolosamente, per anni, seminato l’odio etnico e religioso a suon di proclami, attentati, insinuazioni, propaganda.

Il famoso ‘scontro di civiltà’ che altro intento non ha se non quello di ferire profondamente il tessuto morale dell’umanità e preparare quella ‘guerra di tutti contro tutti’ che, se l’umanità non sarà in grado di superare rapidamente materialismo ed edonismo sfrenati, avverrà anzitempo.  

“Già alla fine del secolo XX – così Rudolf Steiner – noi ci troveremo di fronte alla guerra di tutti contro tutti! Gli uomini potranno fare tutti i bei discorsi che vorranno, potranno aver fatto tutti i possibili progressi scientifici, avranno di fronte a sé questa guerra di tutti contro tutti. Assisteremo allo sviluppo di un’umanità che tanto più si riempirà la bocca di questioni sociali tanto meno avrà un minimo ‘istinto sociale'” .

L’identificazione del ‘male’ nell’altro, nel diverso, nello straniero è stato nei millenni il motore di ogni guerra e di ogni catastrofe umane; un tempo la propaganda aveva facile gioco delle masse ignoranti e senza informazioni alternative a quelle delle classi dominanti. Oggi, evidentemente, la situazione è cambiata e non è così semplice ingannare e manovrare con semplici proclami retorici.
Si è così resa necessaria una strategia molto più complessa ed articolata – ne abbiamo avuto ampie dimostrazioni anche in Italia con la ‘strategia della tensione’ e con la più recente ‘stagione degli attentati’ degli anni 1992-3 –  che purtroppo riesce spesso a bypassare le residue resistenze logiche e morali anche nelle persone più evolute all’interno di popolazioni, che vengono, comunque, intenzionalmente e sapientemente indebolite e messe alla prova dalle crisi economiche e sociali, dalle conseguenze dei flussi migratori, dall’ansia e dalla paura seminate ad arte dai media e dai governi.

A quanto pare le élite non hanno apprezzato Brexit e il Regno Unito sembra avviato a diventare un test per i primi esperimenti della ‘guerra di tutti contro tutti’.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito