Vaccino obbligatorio e lockdown per tutti. In Italia, tra poco?

153034561 C002abdb F7f8 424a A7b0 92a04281a5fd

Covid, il governo non esclude nulla, anche se non lo dice ufficialmente

Ormai lo sappiamo, inutile nasconderlo. L’Austria anticipa le decisioni sul Covid di tutti i Paesi europei. E il governo di Vienna ha deciso da lunedì 22 novembre un lockdown generalizzato per venti giorni e l’obbligo vaccinale da febbraio per tutta la popolazione. I numeri della pandemia sono allarmanti, in termini di contagio, di occupazione delle terapie intensive e di vittime. In Italia la situazione è migliore rispetto a quanto accade nel Vecchio Continente, ma l’attenzione è altissima e il governo, a questo punto, non esclude più nulla. Cautela di Draghi nelle restrizioni solo per i vaccinati, chieste dalle Regioni, ma fino a quando si potrà resistere?


Fonti qualificate di governo confidano ad Affaritaliani.it che, in base soprattutto a quanto sta accadendo in Europa, ogni ipotesi è ormai sul tavolo. Non solo le restrizioni per i non vaccinati, non solo il Green Pass rilasciato solo dopo aver fatto la terza dose, non solo le zone gialle, arancioni e rosse nelle aree più colpite del Paese; i piani del governo non escludono – in casi particolari che riguardano soprattutto tre parametri: numeri di contagiati giornaliero, occupazione delle terapie intensive e vittime a causa del Covid – l’introduzione dell’obbligo di vaccinarsi per legge da estendere a tutta la popolazione dai 5 anni in su (per i bambini dopo lo scontato via libera delle autorità sanitarie), probabilmente come in Austria da febbraio, e anche la misura estrema di un lockdown generalizzato come all’inizio del 2020 per tutti a gennaio, subito dopo le festività di Natale.

Se al 7 gennaio la situazione sarà fuori controllo, con i contagi oltre quota 30mila al giorno e le terapie intensive in grave sofferenza, potrebbe scattare una chiusura generalizzata di tutta Italia per almeno 2-3 settimane. A quel punto, il governo lascerebbe aperti solo i supermercati, le farmacie e le attività essenziali. Tornerebbero lo smartworking generalizzato, il coprifuoco per tutti e il modulo per autorizzare l’uscita da casa.

Una situazione che metterebbe a serio rischio la ripresa economica, ma a questo punto – come spiegano fonti dell’esecutivo – non si può scherzare e il governo è pronto a tutto.
Tutto.

Alberto Maggi

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

en_US

LOGIN