Una grande vittoria: il TAR boccia “Tachipirina e vigile attesa”

FBMQdWfWYAMB2ju

Il Tar boccia “la Tachipirina e vigile attesa”: è in contrasto con l’attività del medico

 

Per il giudice il contenuto della nota ministeriale “si pone in contrasto con l’attività professionale così come demandata al medico nei termini indicati dalla scienza e dalla deontologia”.

Due anni di Tachipirina e vigile attesa hanno fatto aggravare i cittadini italiani che, positivi al covid, avrebbero potuto curarsi a casa, senza dover necessariamente finire in ospedale per aumentare i numeri del terrore.

 
Il Tar boccia "la Tachipirina e vigile attesa": è in contrasto con l'attività del medico
 

Si annulla quindi la circolare del ministero della Salute aggiornata al 26 aprile 2021, nella parte in cui, oltre a prevedere la “vigilante attesa” nei primi giorni d’insorgenza della malattia, pone anche indicazioni di non utilizzo di tutti i farmaci generalmente utilizzati dai medici di medicina generale per i pazienti affetti da Covid.

La disposizione dell’Aifa e del ministero di Speranza impediscono il lavoro del medico e l’utilizzo di terapie alternative.

Per il Tar

“in disparte la validità giuridica di tali prescrizioni, è onere imprescindibile di ogni sanitario di agire secondo scienza e coscienza, assumendosi la responsabilità circa l’esito della terapia prescritta quale conseguenza della professionalità e del titolo specialistico acquisito. La prescrizione dell’Aifa, come mutuata dal ministero della Salute, contrasta, pertanto, con la richiesta professionalità del medico e con la sua deontologia professionale, imponendo, anzi impedendo l’utilizzo di terapie da questi ultimi eventualmente ritenute idonee ed efficaci al contrasto con la malattia Covid-19 come avviene per ogni attività terapeutica”.

 

La conclusione è che

“il contenuto della nota ministeriale, imponendo ai medici puntuali e vincolanti scelte terapeutiche, si pone in contrasto con l’attività professionale così come demandata al medico dalla scienza e deontologia professionale”.

L’avvocato Grimaldi, che ha portato avanti il ricorso, commenta

“E’ la fine della vigile attesa, ora i medici responsabili”

 

La Sentenza

 

Agata Iacono

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Facebook
Pinterest
Twitter
Email
Telegram
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

en_US

LOGIN