Ecco che tesa l’ala (Massimo Scaligero)

Ecco che tesa lala Massimo Scaligero

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Ecco che tesa l’ala nell’azzurro

l’ansia ritorna musica del sole:

si scioglieil nodo e s’anima un volere

d’obliare nel mondo la mia vita:

d’obliare la vita nel suo fato,

me stesso nella sua nuova speranza:

perdermi nell’immenso per tornare

il fanciullo che giuoca e non s’avvede

d’essere un dio chiamato al primo amore.

Fuoco dell’alta vetta si riaccende

e scioglieil ghiaccio di un’antica morte,

lampeggiando nel cuore della pietra,

dissolvendo l’inerzia in ogni vena.

Ascolto: è il suo ritorno ch’io ravviso

nel messaggio del cielo e della nube,

ravvivato dal sole entro ogni vita

e nell’alito della primavera.

Ella ritorna lieve come sogno

trasparendo nel suo nimbo di luce:

ritorna ed è speranza sconosciuta

di un’obliata sinfonia di stelle.

Diafanoil volto della sua tristezza

d’essere sonno nella forma muta

mi si rivolge in tacita preghiera,

tutta l’anima intenta. Ella mi tace

un suo dolore che sgorgando aspira

all’angelico senso di trovarsi,

di ridestarsi ed essere lontana.

E se nel tempo ella ritorna al cuore,

la sento accesa all’apparire vivo

trasalire nel sogno che respiro:

la sento come olimpico mistero,

luce e colore d’ogni cosa avuta

nel segreto che temperail mio fuoco

nel segreto ch’è fiaba d’ogni mondo.

 

Massimo Scaligero

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito