Dissonanza cognitiva, condizionamento e creazione della realtà

Cognitive Dissonance Theory

Alla luce delle prove oggi a nostra disposizione, attraverso vari ambiti di indagine, il materialismo filosofico può essere giustamente considerato come un meccanismo inconscio di difesa dell’Io (uno scudo contro la dissonanza cognitiva), una sorta di superstizione progettata per preservare la concezione limitata del sé dell’individuo, a discapito di una vasta gamma di informazioni affascinanti e fattuali.
La negazione è un bel posto da visitare, ma non vorrei viverci.

In The Holographic Universe (“L’Universo Olografico” il libro che ha innescato il mio risveglio!), il defunto fisico Michael Talbot racconta una straordinaria esperienza personale particolarmente rilevante per il tema della credenza e della percezione. Possiamo vedere ancora una volta qui quanto sia potente il condizionamento subconscio, dato che l’ipnosi consiste nell’alterare i programmi subconsci che gestiscono le nostre menti cerebrali: il padre di Talbot aveva assunto un ipnotizzatore per intrattenere alcuni amici nella loro casa.

La parte più significativa dello spettacolo è avvenuta in seguito al comando dell’ipnotizzatore all’uomo in trance, Tom, che quando fosse uscito dallo stato di trance, sua figlia sarebbe stata invisibile per lui. Non solo Tom non poteva vedere sua figlia, in piedi proprio di fronte al suo viso, ma incredibilmente era in grado di identificare un oggetto nascosto, tenuto in mano dall’ipnotizzatore, dietro alla schiena di lei.  Addirittura Tom, guardando attraverso sua figlia, ha identificato con successo l’oggetto nascosto in un orologio, ha anche letto l’iscrizione su di esso, leggendo sia il nome del proprietario dell’orologio che il messaggio. L’ipnotizzatore ha poi rivelato che l’oggetto era davvero un orologio e lo ha fatto girare per la stanza in modo che tutti potessero vedere che Tom aveva letto correttamente la sua iscrizione.Tom confidò in seguito a Talbot che tutto ciò che aveva visto era l’ipnotizzatore che teneva l’orologio in mano. [i]
Confermando che la coscienza è fondamentalmente non locale.

Il campo mentale di Tom era stato incaricato di rimuovere sua figlia dalla sua consapevolezza, e così ha automaticamente decodificato la matrice di informazioni ondulatorie in cui era immerso, in un modo che ha creato l’apparenza dell’assenza di sua figlia. La mente in uno stato ipnotico rilassato è straordinariamente flessibile, e questo incidente serve a mostrare quanto sia potente il ruolo che le nostre facoltà subconsce giocano effettivamente nel modo in cui percepiamo soggettivamente. È stato riferito daOstrander e Schroeder che in Russia, oscurare la capacità di qualcuno di vedere una persona o un oggetto proprio di fronte a loro era un esperimento ipnotico di routine. [ii]

Altri esperimenti in cui la visione di un soggetto è stata invertita e capovolta hanno dimostrato che la mente riorganizza rapidamente la sua percezione per consentire al soggetto di vedere le cose normalmente. Questa non è una trasformazione fisica, è percettiva. Senza le lenti invertenti, la visione dell’individuo diventa di nuovo capovolta, ma si riadatta rapidamente per percepire le cose come se fossero di nuovo “nel modo giusto”. Vari esperimenti hanno dimostrato che due persone con le stesse impressioni retiniche possono percepire cose diverse, mentre due persone che ricevono impressioni retiniche diverse possono vedere la stessa cosa. [iii]

Quale prospettiva nello scenario di cui sopra che coinvolge Tom e sua figlia era quella “giusta”? Di chi era la percezione della “realtà” “migliore”? A rigor di termini, di nessuno, ma il punto fondamentale qui è che non esistono due persone che vivono un dato evento esattamente nello stesso modo. Quello che pensa il “Pensatore”, lo dimostra il “Provatore”, come ha sottolineato RA Wilson. La figlia di Tom era ancora presente (almeno in alcuni quadri di riferimento), anche se lui credeva e percepiva che non lo fosse. Tutti gli altri potevano ancora vedere l’elefante metaforico nella stanza. Come Wilson amava ricordarci, “La realtà è plurale e mutevole”.


Cleve Backster ha compiuto un’impresa simile quando ha ipnotizzato un soggetto per fargli credere che quando si sarebbe svegliato non sarebbe stato in grado di percepire lo stesso Backster per 30 minuti, perché non sarebbe stato nella stanza. Rimanendo nella stanza, Backster (normalmente un non fumatore) ha acceso una sigaretta e l’ha fumata, osservando come il suo soggetto cadesse sempre più in preda al panico per la levitazione della sigaretta e il fumo che veniva esalato da un fumatore apparentemente invisibile. Trascorsa la mezz’ora, Backster riapparve al suo soggetto come per magia. [iv]

“Se il “Pensatore” pensa che il sole si muova intorno alla Terra, il “Provatore” organizzerà premurosamente tutte le percezioni per adattarle a quel pensiero; se il “Pensatore” cambia idea e decide che la terra si muove intorno al sole, il “Provatore” riorganizzerà l’evidenza”. [v]

Il rapporto del 1972 del DIA sul “Comportamento offensivo controllato” rivelò che i funzionari del sanatorio in Bulgaria avevano testimoniato che la “Suggestologia”, una forma di rielaborazione del pensiero eseguita sul paziente in stato di veglia, aveva curato i pazienti dopo poche sedute, oltre a consentire alle incisioni di operazioni chirurgiche di guarire molto più velocemente del normale. [vi]
La mente è stata riaddestrata per sovrascrivere la normale programmazione del corpo. Questo genere di cose è un fenomeno sempre più ampiamente riconosciuto.
L’occultista dice che, a causa della stretta interconnessione tra i corpi mentale, astrale ed eterico, se qualcuno crede di star bene, la sua mente può forzare il corpo in armonia con il suo stato mentale ed effettuare una cura. [vii]

L’autore Brendan D. Murphy si unisce a Dylan Charles nel podcast di Battered Souls

Lo yogi Lahiri Mahasayauna volta disse al suo allievo allora dubbioso, un giovane Sri Yukteswar, che tutto ciò in cui credeva intensamente si sarebbe immediatamente avverato. Yukteswar ha quindi chiesto se credeva di stare bene e di aver riacquistato il suo precedente peso sano (era diventato magro in modo malsano), sarebbe stato così. Il suo guru lo rassicurò che anche in quel momento lo era. Prima di questo scambio, la salute fisica di Yukteswar aveva oscillato drasticamente in accordo con le insinuazioni verbali di Mahasaya, quasi provocando il suo confuso protetto per la sua costernazione e mancanza di consapevolezza di sé. Quello che Mahasaya stava mostrando al suo ignaro studente era che aveva il potere intrinseco di alterare la sua realtà attraverso la pura convinzione, e che in effetti lo aveva fatto inconsapevolmente per tutto il tempo. Poteva quindi rendersi forte e robusto, o malato e debole, sulla base della fede. Subito dopo questo scambio, col seme della rivelazione che prendeva piede in lui, Yukteswar si accorse che aveva incredibilmente preso 23 kg che rimasero al loro posto sul lungo periodo. [viii]
Come spiegare tali fenomeni senza riconoscere che abitiamo in quello cheYoganandachiamava un “sogno oggettivato”?

Questo caso, come gli altri, è semplicemente un drammatico microcosmo di ciò che sta accadendo continuamente in tutto il pianeta.
Creiamo  costantemente la nostra esperienza della realtà . Coloro che sostengono rigidamente le credenze riduzioniste del “Pensatore”, che lo facciano consapevolmente o meno, stanno letteralmente creando, tramite il loro “Provatore”, un campo percettivo ed esperienziale limitato per se stessi. Quando questo si accoppia con l’arroganza e la logica sciatta che si riduce a “se non riesco a vederlo (o farlo) allora nessuno può”, hai una ricetta per la cecità artificiale autoindotta.

Questa convinzione si basa spesso sul presupposto che tutti percepiscano il mondo sensoriale allo stesso modo, poiché tutti, in generale, abbiamo organi di senso progettati sostanzialmente allo stesso modo. Ciò non tiene conto del fatto che tutto ciò che percepiamo (ricostruiamo) non viene percepito direttamente ma filtrato attraverso la rete neurale del cervello e attraverso le nostre griglie di informazioni individuali (e credenze), prima di produrre una sorta di impressione che interpretiamo come una realtà oggettiva. Tutte le immagini che percepiamo sono il risultato finale di un processo di costruzione fulmineo ma altamente sofisticato, che coinvolge varie fasi, fino a portare (si spera) a un qualche tipo di percezione;  un’approssimazione della realtà, non la realtà stessa. In questo senso, è la nostra credenza a vedere.ComeRudhyar ha notato in  Culture, Crisis and Creativity, è la mente condizionata dalla cultura a vedere, non gli occhi.

Santayana ha sottolineato che siamo tutti molto più bravi a credere che a vedere.
Quasi sempre vediamo ciò in cui crediamo e solo raramente vediamo ciò in cui non possiamo credere. [ix]
Abbiamo meno probabilità di decodificare, nella nostra realtà percettiva, ciò in cui non crediamo.

Le griglie informative, o i nostri modelli del mondo, detti anche schemi, che mancano di dati simili a quelli che arrivano dal mondo, non comprenderanno né riconosceranno i dati in arrivo e, di conseguenza, nessuna percezione cosciente avrà luogo, e questo è tanto più vero quando la mancanza di informazioni accurate è accoppiata con l’incredulità attiva. Non vediamo davvero un’auto: il nostro cervello ne costruisce un modello, fa l’ipotesi migliore. Attraverso associazioni mentali e riferimenti ad esperienze precedenti, archiviamo poi il nostro modello sotto  Auto e lo valutiamo in relazione ad altre immagini già memorizzate. Sviluppiamo uno schema che organizza la nostra esperienza classificando le cose e raggruppando caratteristiche e attributi tipici di ogni cosa, nel nostro esempio, delle automobili. Questo modello ci permette di trascendere le limitate informazioni sensoriali a nostra disposizione, in modo da poter percepire un tutto. [X]

Come spiega Swann,

le “informazioni” che alla fine risulteranno come comprensione, saranno la somma dell’input, più qualunque filtro personale attraverso cui l’input venga vagliato, diverso per ciascun individuo. Se esistono riscontri dell’input nella biblioteca della memoria, allora può avvenire una sorta di duplicazione (che noi chiamiamo “comprensione”). Ma se non vengono trovate corrispondenze, il contenuto delle informazioni probabilmente verrà instradato attraverso la somiglianza più prossima, nella libreria della memoria. In questo caso, siamo di un passo o più lontani dalla duplicazione (e lontani dalla “comprensione completa”). Se non vengono trovate affatto corrispondenze, il destinatario del contenuto delle informazioni immesse “avrà uno spazio vuoto”. [xi]

È stato scoperto che questi principi di base si estendono alle attività nello stato OOB/astrale [Out Of Body/Fuori dal corpo], così come nel RV [Remote Viewing, Visione a distanza]. Sia Monroe che Ingo Swann hanno identificato il fenomeno della sostituzione automatica con la corrispondenza più vicina di qualcosa che non esisteva nella banca della memoria. Una straordinaria partecipante ai programmi psichici di visione a distanza dello Stanford Research Institute negli anni ’70 è stata Hella Hamid, che inizialmente ha contribuito a portare in primo piano questo problema di riconoscimento e a dargli un senso. Ha scoperto che, via via che continuava il suo addestramento, iniziava a cogliere quando effettivamente le mancavano dati e poteva indicarlo prima che i suoi processi associativi subconsci prendessero il sopravvento e sostituissero qualsiasi dato mancante con la corrispondenza più vicina nella sua memoria. [xii]

In La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Thomas Kuhn ha discusso la ricerca condotta dal team di Bruner e Postman negli anni ’40 nel contesto di come risultati anomali nella ricerca scientifica abbiano accelerato il cambiamento di paradigma. Kuhn nota il modo in cui l’intelletto condizionato, di fronte a un’anomalia, si riferisce alla banca della memoria nel tentativo di dare un senso all’anomalia e di imporle il proprio ordine artificioso per renderla comprensibile. Questo è ciò che fa la scienza stessa – così come molti dei nostri tentativi personali di navigare nei nostri mondi quotidiani familiari -: impone una struttura intellettuale artificiosa su ciò che semplicemente è, ovvero effettua un tentativo di afferrare, cogliere e comprendere ciò che incontriamo attraverso le nostre percezioni umane limitate (che comunque sono solo approssimazioni).

Bruner e Postman scoprirono che la mente, rimasta senza risposta, ricorse a sostituire la connessione più prossima, al posto dell’anomalia . Il “non familiare” è stato automaticamente sostituito con il familiare. Questo esperimento è praticamente un microcosmo di ciò che accade con i nostri paradigmi su larga scala in quanto, finché le anomalie non vengono ammesse e poi riconosciute come qualcosa di reale e diverso attraverso l’identificazione ripetuta, inizialmente non vengono percepite. Causano semplicemente un livello di dissonanza cognitiva quasi inconscia, sono spesso erroneamente identificate e respinte a titolo definitivo, o sono spiegate in modo vago e indeterminato. 
Vi suona familiare?

Bruner e Postman hanno chiesto ai soggetti sperimentali di identificare, su esposizione breve e controllata, una serie di carte da gioco, alcune delle quali sono state rese anomale, ad esempio un sei di picche rosso. In ogni esecuzione sperimentale è stata visualizzata una singola scheda in una serie di esposizioni gradualmente crescenti. Dopo ognuna, al soggetto è stato chiesto cosa avesse visto, il test veniva terminato dopo due identificazioni consecutive corrette della carta. Per le carte normali la maggior parte delle identificazioni era corretta, ma il punto interessante qui è che le carte anormali erano quasi sempre immediatamente identificate come una delle carte normali. Le carte anomale sono state immediatamente assegnate ad una categoria preesistente nella banca di memoria del soggetto.  All’aumentare del tempo di esposizione per ogni carta, tuttavia, iniziò a insinuarsi un senso di anomalia. Ad esempio, un soggetto avrebbe potuto identificare un sei di picche, tranne per il fatto che il nero aveva un bordo rosso. L’aumento dell’esposizione ha causato una maggiore esitazione e confusione fino a quando alla fine, e talvolta all’improvviso, la maggior parte dei soggetti ha iniziato a identificare correttamente le carte anomale senza esitazione. Dopo due o tre identificazioni corrette il resto delle carte anomale presentava poche difficoltà. [xiii]

Questo è qualcosa che chiamiamo semplicemente apprendimento o adattamento. Ci aspettiamo di essere in grado di farlo, e inoltre, ci aspettiamo anche, forse irragionevolmente, che tutti gli altri abbiano le stesse capacità, anche quando si tratta di visualizzazione a distanza. Il punto successivo derivante da questo studio avvincente è un esempio su piccola scala di ciò che possiamo osservare nel mondo in generale all’interno di gruppi di persone in relazione a dati che contraddicono i dettami dei loro circuiti semantici e ciò che la loro memoria dice loro di aspettarsi dalla realtà: alcuni dei soggetti di Bruner e Postman non sono mai stati in grado di apportare le modifiche necessarie alle loro categorie per identificare le carte anomale. Anche quando il tempo medio di esposizione necessario per riconoscere le carte normali veniva esteso di quaranta volte, oltre il dieci percento delle carte anomale non poteva essere nominato correttamente. [xiv]

Sembra che, se sufficientemente contrarie all’aspettativa condizionata, alcune anomalie, anche banali come le discrepanze delle carte da gioco, siano troppo per alcune persone che non possano produrre la flessibilità neurologica richiesta o l’adattamento per facilitare l’integrazione della nuova esperienza/dei nuovi dati nelle loro menti (almeno a breve termine).

Sospetto che il rifiuto totale del “paranormale” serva a molte persone semplicemente a ridurre qualsiasi potenziale dissonanza cognitiva o disagio causato da dati contrari, che competano per la supremazia all’interno delle loro menti (e come ho sottolineato prima, tutte queste persone sanno la verità a livello subconscio, quindi devono lottare incessantemente per reprimerla, specialmente quando la verità viene loro presentata a livello conscio).

Alcuni dei soggetti di Bruner e Postman hanno provato disagio e angoscia mentre guardavano le carte anomale a questi tempi di esposizione più lunghi; la loro incapacità di trascendere le loro categorie prestabilite era per loro chiara fonte di frustrazione e confusione. In nessun caso le loro menti condizionate avrebbero permesso loro di percepire con precisione cosa c’era proprio davanti ai loro occhi: in grave difficoltà, un soggetto esclamò che non era nemmeno più sicuro di sapere come fossero fatte le picche! [xv]

Quindi, possiamo vedere con quanta facilità i nostri preconcetti derivanti da precedenti condizionamenti possono interferire con la nostra capacità di percepire chiaramente o correttamente. 
Gli scienziati non sono assolutamente immuni da questo fenomeno in quanto è una particolarità della psicologia umana, da qui le molte opinioni non scientifiche mantenute dagli scienziati riguardo alla visualizzazione a distanza e al “paranormale”.

—estratto da The Grand Illusiondi Brendan D. Murphy–

Brendan D. Murphy


Circa l’autore

Brendan D . Murphy -  Co-fondatore di Global Freedom Movement e conduttore di GFM Radio, Brendan D. Murphy è un importante autore, ricercatore, attivista e musicista australiano.

www.globalfreedommovement.org

[i] Talbot, 141.

[ii] Ostrander & Schroeder, Psychic Discoveries: The Iron Curtain Lifted, 379.

[iii] Kuhn, 126-7.

[iv] Backster, 14.

[v] Wilson,  Prometheus Rising, 25.

[vi] DIA report (1972).

[vii] Vedi Powell, The Mental Body , cap. 11.

[viii] Yogananda, 104.

[ix] Wilson, Cosmic Trigger , 33.

[x] LaBerge & Rhieingold, 77.

[xi] Swann, Verso l’attivazione…

[xii] Swann, Processi di visualizzazione remota…

[xiii] Kuhn, 62–3. Vedi anche Radin, The Conscious Universe , cap. 14.

[xiv] Kuhn, 63.

[xv] Ibid., 63-4.

 

Tradotto da Diana Ambanelli per LiberoPensare

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito