Coronavirus, mascherine vendute 100 volte il valore. Maxi-truffa allo Stato

Mascherine Carabinieri

L’emergenza Coronavirus in Italia continua. Con la riapertura delle scuole uno degli strumenti indispensabili è quello dei dispositivi protettivi: le mascherine. Passato il periodo più buio, quello del lockdown e del numero di contagiati e ricoverati alle stelle, adesso si indaga su cosa non ha funzionato nella fornitura di questi oggetti. La Procura di Roma – si legge sul Corriere della Sera – ha aperto quattro fascicoli e iscritto nel registro degli indagati una decina di persone, l’ipotesi di reato è maxi truffa ai danni dello Stato: “Frodi e costi gonfiati”.

Milioni di mascherine immesse sul mercato senza la certificazione oppure pagate a prezzi da capogiro. Intere partite reperite nel momento peggiore della pandemia da Coronavirus con finte fideiussioni e vendute agli enti pubblici a costi esagerati, anche dieci, cento volte più del valore reale. Con un esborso di soldi da parte dello Stato per centinaia di milioni di euro.

Un lavoro capillare – prosegue il Corriere – svolto dai pubblici ministeri anche grazie all’impegno dell’Agenzia delle Dogane guidata da Marcello Minenna che ha bloccato numerosi carichi, segnalando tutte le irregolarità compiute e consentendo di ricostruire il percorso dalla produzione all’estero sino all’arrivo alla frontiera e — quando è accaduto — alla consegna.

I numeri dei sequestri effettuati forniscono il quadro di quanto accaduto in questi mesi dimostrando che la speculazione era ben più ampia, visto che oltre al blocco di 4 milioni e 800 mila mascherine nei magazzini sono rimasti 65 mila e 800 dispositivi per la terapia intensiva, oltre 26 milioni di guanti monouso, 216 mila tute, più di 47 mila occhiali e persino 86 mila confezioni di alcool.

Prodotti non conformi alle norme, la maggior parte con una certificazione fasulla.

Fonte: https://www.affaritaliani.it/cronache/coronavirus-mascherine-vendute-100-volte-il-valore-maxi-truffa-allo-stato-694429.html

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito