Civiltà o barbarie – Crepuscolo occidentale, alba orientale

Liberta Espressione

“I poeti e i filosofi sono i legislatori misconosciuti del mondo”. (da “A Philosophical View of Reform” – 1819-1820 – una serie di saggi di Percy Bysshe Shelley)

Ai nostri giorni, in Occidente sono in molti a parlare dell’imminente estinzione del nostro pianeta a causa dei “cambiamenti climatici provocati dall’uomo”. Ma la potenziale estinzione della nostra civiltà, della nostra umanità, non sembra essere un argomento vitale per le masse.

Che cosa e dove si trova oggi la nostra civiltà? Che cosa significa “civiltà”? In generale, per “civiltà” si intende

“una società umana che dispone di risorse materiali e spirituali altamente sviluppate e di un’organizzazione culturale, politica e giuridica complessa; uno stato avanzato nello sviluppo sociale; i popoli o le nazioni che collettivamente hanno raggiunto tale stato”.

Ma quali sono le nostre risorse spirituali e qual è il ruolo della cultura oggi?

È fondamentale riflettere su questo aspetto ora… mentre passiamo da un mondo unipolare in decadenza e iniziamo a costruire un nuovo mondo multipolare.

La cultura per la società, lo Stato e il mondo…

Confucio (551-479 a.C.) sosteneva che

“la musica è l’armonizzazione del cielo e della terra, e il rito è l’ordine del cielo e della terra”.

Secondo i Dialoghi 8:8, egli disse che:

“È attraverso le Odi (poesia) che la mente di un uomo viene risvegliata, attraverso le regole del rituale che il suo carattere viene stabilito, e attraverso la musica che viene perfezionato… L’unico modo per far prosperare la società è essere in sintonia con la norma universale indicata attraverso la musica… I rituali non sono semplicemente una questione di decoro. Sono le istituzioni, gli ordini e le norme che si sono sviluppati dal rituale magico primitivo e che uniscono l’universo alla società. Se si vuole sapere se un regno è ben governato, se la sua morale è buona o cattiva, la qualità della sua musica fornirà la risposta”.

Changiz Moulâyi (professore di cultura e lingue dell’Iran antico; Università di Tabriz, Iran) ha scritto di come la cultura crei identità e quindi significato:

“Tra le opere persiane di pregio, il tema di una qualsiasi opera non è così strettamente legato al tema della ‘nazionalità iraniana’ e dell”identità nazionale iraniana’ come lo ‘Shahnameh’ di Ferdowsi. Elementi e simboli nazionali come la “terra” con specifici confini geografici (mitici o reali), i costumi e le tradizioni, la storia, la lingua nazionale comune e infine la posizione del popolo, della religione e del governo, si riflettono ovunque in questo grande e unico poema. A questo proposito, lo ‘Shahnameh’ è stato giustamente considerato come il “documento dell’identità nazionale degli iraniani”. (…) Lo “Shahnameh”, pur essendo l’esempio più alto e glorioso della poesia persiana, è stato incorporato nella lingua persiana e talvolta è giustamente considerato come l’agente e il garante della sua sopravvivenza tra il pubblico iraniano. È ovvio che la manifestazione di tali sentimenti e passioni patriottiche nella nostra epica nazionale è dovuta all’esistenza di un Paese chiamato Iran e di un’unica nazione chiamata “nazione iraniana” che, nonostante sia composta da diversi gruppi etnici e tribù con lingue e dialetti diversi, per la loro unità di cultura e nazionalità, si considerano tutti iraniani e la lingua persiana, che è stata legata alla cultura e alla nazionalità iraniana nel corso degli alti e bassi della storia dell’Iran, non è considerata come una lingua appartenente a una particolare nazione o tribù, ma come la loro lingua nazionale e comune”.

Nel suo saggio “A Defence of Poetry” (1821), il poeta inglese Percy Bysshe Shelley (1792-1822) sosteneva che:

“i poeti sono i legislatori misconosciuti del mondo”… “Ma i poeti, coloro, cioè, che immaginano ed esprimono questo ordine indistruttibile, non sono solo gli autori del linguaggio e della musica, della danza, dell’architettura, della scultura e della pittura; sono anche gli ispiratori delle leggi, i fondatori della società civile, gli inventori delle arti della vita, i maestri che derivano da tale comunione di bellezza e verità, quella visione parziale delle forze del mondo invisibile che si chiama religione… I poemi di Omero e dei suoi contemporanei furono la gioia della Grecia nascente; furono gli elementi di quel sistema sociale che è il pilastro su cui poggiano tutte le civiltà successive. “

Il critico letterario russo Vissarion Grigoryevich Belinsky (1811-1848) sosteneva che

“la società trova la sua vita effettiva nella letteratura” e… “Per avere una letteratura, una nazione deve vivere non solo sul piano pratico, ma anche su quello morale e spirituale, contribuendo con la sua vita nazionale allo sviluppo di qualche aspetto dello spirito universale dell’uomo”.

UNO SGUARDO AL PASSATO – ALL’OCCIDENTE…

La civiltà capitalista occidentale è riuscita a identificare il progresso materiale e tecnologico come criterio di “civiltà”, escludendo completamente gli aspetti spirituali dall’equazione. La civiltà in Occidente si è quindi ridotta a un mero espediente? La cultura è stata ridotta a un banale intrattenimento, a un oggetto di consumo, a una distrazione, a uno strumento di lavaggio del cervello e di propaganda?

Consumismo, omogeneizzazione e Gleichschaltung

Già nel 1973 Pier Paolo Pasolini scrisse un testo intitolato “Acculturazione e assimilazione” (nei suoi “Scritti corsari” -1974) in cui avvertiva che:

“Nessun centralismo fascista è mai riuscito a fare ciò che il centralismo della civiltà dei consumi ha realizzato con successo. Il fascismo proponeva un modello reazionario e monumentale che tuttavia era lettera morta fin dall’inizio. Le varie culture particolari (contadini, sottoproletari, operai) sono andate avanti indisturbate e hanno continuato a vivere secondo i loro modelli secolari: la repressione si è limitata a ottenere il loro sostegno verbale. Oggi, invece, l’adesione ai modelli imposti dal Centro è totale e incondizionata. I veri modelli culturali vengono ripudiati. La rinuncia è totale. Si ha quindi ragione di dire che la “tolleranza” dell’ideologia edonistica del nuovo potere è il peggior tipo di repressione della storia umana. Come è stata esercitata questa repressione? Attraverso due rivoluzioni, che hanno avuto luogo all’interno delle forme organizzative borghesi: la rivoluzione infrastrutturale e la rivoluzione dei sistemi informativi. Autostrade, automobili, ecc. oggi hanno unito strettamente la periferia al centro, abolendo ogni distanza fisica. Ma la rivoluzione dei sistemi informativi è stata ancora più radicale e decisiva. Attraverso la televisione il Centro ha assimilato l’intero Paese, storicamente così differenziato e ricco di culture originali. È iniziato un progetto di omogeneizzazione che ha distrutto ogni autenticità e ogni retaggio concreto del passato. Ha imposto – come ho detto – i suoi modelli: sono i modelli ricercati dalla nuova industrializzazione, che non si accontenta più di indurre l’uomo al consumo, ma cerca di creare una situazione in cui non sia nemmeno concepibile un’altra ideologia che non sia quella del consumo. Un edonismo neo-secolare, ciecamente dimentico di ogni valore umanistico e ciecamente estraneo alla conoscenza umana”.

Negli ultimi decenni, la pubblicazione di libri, la promozione della musica e la distribuzione di film in tutto il mondo sono state consegnate e sacrificate alla macchina Moloch del capitalismo finanziario che sforna best-seller omogeneizzati, successi pop e blockbuster. Recentemente, anche “nicchie alternative” come l’autentica musica rap ribelle e il cinema d’autore sono diventate vittime della Gleichschaltung. In nessuna parte del mondo esiste più una vera e propria sottocultura. E sono scomparse da tempo anche le canzoni contro la guerra….

Il postmodernismo al servizio del neoliberismo e dell’imperialismo…

Lo studioso di letteratura e filosofo tedesco Thomas Metscher ha scritto nel suo testo intitolato “Postmoderne und Imperialismus”:

“Intendo il postmoderno come una forma di coscienza di un certo stadio della società capitalista: la società imperialista sviluppata; una forma di coscienza, quindi, della condizione mondiale del presente, legata alle metropoli imperialiste. Il postmodernismo è una forma di coscienza di questa condizione mondiale in senso lato. Come forma di esperienza dell’alienazione quotidiana, emerge dalla vita e dagli stili di vita di tutti i giorni, si estende all’industria culturale, ai media, alle arti, alle scienze e alla “grande” teoria, e spesso ha lo status di dominio in queste (con l’eccezione delle scienze naturali). (…) L’imperialismo nella sua forma sviluppata e attuale è l’epoca di una crisi di dimensioni storico-mondiali. In essa è in gioco un futuro degno degli esseri umani, anzi l’esistenza della specie umana. È l’epoca di una crisi di fine tempo… [La crisi] ha un carattere potenzialmente letale e formula un dilemma storico: il vecchio sta morendo e il nuovo non può ancora nascere [Gramsci]. In questo regno intermedio, emerge una moltitudine di sintomi morbosi. In effetti, la “morbosità” della società imperialista di oggi ha raggiunto una portata e un’evidenza tali (…) che si può legittimamente parlare di una società patologica – una “cultura della morte”.

“L’irrazionalismo implicito ricopre come una muffa l’intera industria della cultura e della coscienza contemporanea e minaccia di soffocare ogni genuina articolazione individuale. Ora si estende dai talk show e dai feuilleton fino alle altezze di Bayreuth e Salisburgo. (…) Certo, la complicità del postmodernismo con l’offensiva neoliberale è segreta – parte del funzionamento di questa ideologia è che rimanga segreta, parte del gesto del radicalismo, del politicamente corretto…  Questa complicità, tuttavia, spiega la posizione di fronte: contro la dialettica e la ragione, contro le utopie e gli ideali, contro la narrazione che spiega la storia e porta le connessioni alla coscienza, contro la deduzione dalle ragioni, contro le spiegazioni razionali del mondo di ogni tipo. Questa complicità spiega soprattutto l’ostilità contro l’illuminismo e il comunismo. È l’ostilità contro gli esponenti storici di una concezione alternativa della vita.

Nel suo saggio illustrativo, “L’estetica della banalizzazione (Note su Documenta 13 a Kassel)”, il sociologo, filosofo e stimato critico della “cultura postmoderna” Werner Seppmann (1950-2021) ha scritto della mostra del 2012 a “dOCUMENTA” (un “evento culturale” con “arte postmoderna” contemporanea che si svolge ogni cinque anni a Kassel, in Germania):

“dOCUMENTA ha avuto un ruolo pionieristico nel portare alla ribalta gli artisti astratti “d’avanguardia”, inizialmente per lo più di origine statunitense, e nel stigmatizzarli come l’apice dello sviluppo dell’arte. Erano visti come gli unici degni rappresentanti di una società capitalista “libera” e contrapposti all'”arte di Stato orientale”. Per i fondatori di dOCUMENTA, l’arte era considerata “libera” solo se abbandonava il rappresentativismo e manifestava l’incondizionato soggettivismo e l’immediata interiorità dell’artista nel suo atto creativo”.

“Attraverso il decadimento della forma artistica (…) e un livellamento del contenuto, l’impegno critico con il materiale espositivo ordinario spinge la critica dell’ideologia e del dominio in primo piano rispetto alla riflessione sulle questioni estetiche. Inevitabilmente, ci si chiede quali interessi si stiano servendo privilegiando un’arte della banalità e dell’insignificanza (spesso con un fianco aperto verso l’assurdità). Chi trae vantaggio filosoficamente e, in ultima analisi, socialmente quando domina un’invadente autoassoluzione? Quale classe ottiene un valore aggiunto ideologico quando gravi problemi sociali (come la distruzione delle nostre basi naturali di vita) vengono eliminati con un riferimento meramente “simbolico”? Chi ha interesse a che le soluzioni alle pressanti questioni contemporanee siano ridotte al livello di un esoterico oblio dell’essere?”.


Appropriazione della cultura per la propaganda

Da qualche tempo, la potenza unipolare in via di estinzione – l’impero angloamericano – è il magistrato autoproclamatosi che rivendica la giurisdizione sul pianeta, essendo diventata l'”autorità morale di interpretazione” accettata (almeno) nel mondo occidentale e potendo esercitare la sua influenza sull’opinione pubblica praticamente ovunque. La macchina della propaganda neoliberale transatlantica e i suoi vari meccanismi di infiltrazione sono sempre stati uno strumento potente – sono infatti le armi più potenti delle forze imperialiste… più forti delle bombe a grappolo, perché hanno una portata globale e infettano le menti, lasciando intatto l’aspetto esteriore.

Una tattica brillantemente subdola è stata l’appropriazione e l’abuso di simboli, slogan e terminologia dei movimenti “di sinistra” e “progressisti”, un tempo autentici. Una delle sue caratteristiche nefaste è il tentativo sfacciato di riscrivere la storia a proprio vantaggio. Con questa appropriazione, i nazisti sono visti come combattenti per la libertà, i russi come fascisti, le cleptocrazie come democrazie, i conservatori come persone di destra… e i neoliberali come persone di sinistra e ribelli, con quest’ultimo gruppo che attira incalcolabili adulatori della “mentalità progressista” nella cultura e nel mondo accademico, che, a loro volta, promuovono le idee dei neoliberali. Pasolini se lo aspettava chiaramente già nel 1975:

“Profetizzo l’era in cui il nuovo potere userà le vostre parole libertarie per creare un nuovo potere omogeneizzato, per creare una nuova Inquisizione, per creare un nuovo conformismo. E i vostri chierici saranno chierici di sinistra”.

Purtroppo, molti studiosi di letteratura, analisti e giornalisti hanno sottovalutato l’infiltrazione imperialista e colonialista nelle altre culture del mondo… ed è per questo che molti oggi sembrano stupefatti dalla misura in cui la “cultura” neoliberale postmoderna ha messo in ombra le culture locali dei Paesi non occidentali… Purtroppo i giovani di questi Paesi, grazie al consumismo globale, hanno pochi o nessun altro orientamento e radici per la propria cultura… e affrontano molte crisi di identità.

Cultura della cancellazione… e distruzione della storia

Se non ci si conforma alla narrazione egemonica, si viene cancellati dalla stampa tradizionale, dai social media e, in molti casi, dalla società… (E alcuni giornalisti finiscono addirittura in prigione o nella lista nera). E questo vale sempre di più anche per le culture.

Oltre alla tendenza oggi in voga di abbattere le statue di coloro che sono stati ripudiati dai “giudici svegli”, vengono cancellati artisti e pensatori provenienti da “territori visti come ostili” dall’egemonia e dalla NATO – ad esempio: artisti russi del passato e del presente (ad esempio Dostoevskij, Čajkovskij, Cechov, il direttore d’orchestra Valery Gergiev, il soprano Anna Netrebko)… Anche la lettera “Z” è vista come un carattere ostile dell’alfabeto in molti Paesi occidentali…

“Il proverbiale ‘cancellare la cultura’ è diventato una cancellazione della cultura”,

come ha detto il Presidente Putin.

Una statua sovietica demolita a Koszalin, Polonia

In questi giorni, l’Ucraina, la Polonia, i Paesi baltici, in preda a un inspiegabile delirio, stanno demolendo febbrilmente i monumenti che commemorano i sacrifici sovietici nella Seconda Guerra Mondiale. In un recente discorso, il Presidente Putin ha commentato questa presa in giro della storia:

“Ricordiamo i nostri antenati – i soldati di prima linea [della Seconda Guerra Mondiale] e i loro compagni d’armi, così come i duri lavoratori del fronte interno. Conserviamo e restauriamo i monumenti in loro onore. E non capiremo mai né accetteremo il desiderio di distruggere ciò che ci ricorda il loro eroismo, il loro coraggio, la loro sofferenza e i loro sacrifici. Il cuore sanguina quando in alcuni Paesi vediamo demolire i monumenti ai soldati sovietici che hanno dato la vita per liberare la popolazione di quei Paesi. Si fanno beffe della storia e tradiscono cinicamente i loro stessi padri, nonni e bisnonni. Per la Russia, tutto questo è impensabile. Noi siamo la carne e il sangue dei nostri eroi. Il memoriale ricostruito dei difensori del Donbass, insieme al coraggio dei nostri soldati, ufficiali e milizie, serve da monito per dire a tutti coloro che hanno rinnegato i loro antenati e dimenticato le lezioni della storia”.

Demolizione del Memoriale della Vittoria dell’Armata Rossa, Lettonia. Foto: S.Zandersone

La cosiddetta “cultura” consumistica occidentale postmoderna e neoliberale è in realtà una cancellazione dell’essere umano. Priva di umanità e spiritualità, è una malignità impiantata nelle cellule del corpo della civiltà… Il suo scopo è, in ultima analisi, distruggere la civiltà umana per spingere il mondo all’assoluta sottomissione alla tecnocrazia aziendale.

UNO SGUARDO IN AVANTI – A EST…

Come possiamo osservare, la “cultura” postmoderna neoliberale dell’Occidente ha contagiato il mondo a livello globale, non solo attraverso il neocolonialismo, ma anche attraverso la tecnologia della comunicazione di massa… Ma l’Occidente non può essere ritenuto l’unico responsabile della banalizzazione della cultura nei Paesi non occidentali. Coltivare la propria cultura e le proprie tradizioni e trasmettere il proprio patrimonio alla generazione successiva è un dovere di ogni membro della società.

Per il momento non si producono grandi opere d’arte e di pensiero da nessuna parte. Ma le loro radici e piantine nei Paesi non occidentali non sono state cancellate. Anche se in uno stato di semi-coscienza, sono state mantenute in vita da società sovrane che ancora onorano il loro patrimonio, custodiscono la spiritualità e mantengono viva la memoria del passato. Dopo tutto, le grandi opere possono venire alla luce solo sulle orme dei maestri che le hanno precedute.

Da notare anche che, mentre l’artigianato è quasi scomparso dalla maggior parte delle nazioni occidentali, è ancora vivo nei Paesi non occidentali. Anche se in numero notevolmente ridotto nel corso degli anni, in questi Paesi gli artigiani hanno ancora un posto nella società e le loro opere sono ancora ricercate.

La sfida più grande per la salvaguardia della civiltà in futuro sarà quella di distogliere le giovani generazioni dalla banale non-cultura che lampeggia incessantemente sui loro telefoni ombelicali e di convincerle del significato e dell’indispensabilità del loro patrimonio e della loro storia…

L’alba di un mondo multipolare – uno Spiritus Mundi

I recenti progressi nei progetti di mutuo beneficio promossi da organizzazioni e forum cooperativi (come la BRI, i BRICS+, l’EAEU, la SCO, il NAM, ecc.) convalidano l’emergere di un mondo nuovo e multipolare… un mondo di Stati sovrani che saranno liberi di svilupparsi secondo i propri bisogni e desideri, liberi di scambiare beni, idee e conoscenze tra loro, protetti da un vero diritto internazionale. E le loro miriadi di diversità, fortunatamente risparmiate dal mostruoso “omogeneizzatore”, potranno continuare a fiorire e arricchire gli altri.

La prospettiva di Stati che non soffrono più sotto il giogo finanziario, economico e bellicoso di una potenza saccheggiatrice può ispirare i cittadini e generare un terreno fertile non solo per scambi fruttuosi, ma anche per la ripresa dello sviluppo dei loro patrimoni culturali.

La scultura vecchia dieci secoli di un saggio dormiente, Cina

Mentre le tenebre calano in Occidente, un barlume di luce, la cui ora è finalmente giunta – grazie soprattutto ai recenti e colossali sforzi della Russia – sta sorgendo in Oriente e preannuncia la nascita di un mondo multipolare… una luce che, si spera, risveglierà alcuni poeti da un sonno di pietra.

Nora Hoppe

Tradotto dall’inglese da Piero Cammerinesi per LiberoPensare

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Facebook
Pinterest
Twitter
Email
Telegram
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito