Brink of Eternity (Rabindranath Tagore)

Brink of Eternity Rabindranath Tagore

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ 

 

In disperata speranza la vado cercando
in ogni angolo della mia casa,
ma non la trovo.
La mia casa è piccola
e ciò che una volta è andato via
non può mai più essere ripreso.
Ma infinito è il tuo palazzo, Signore,
e cercando lei sono giunto
alla tua porta.
Son sotto la canopia d’oro del tuo cielo
vespertino e levo ansioso gli occhi
verso il tuo viso.
Sono venuto sull’orlo dell’eternità
da cui nulla può svanire;
nessuna speranza, né felicità,
né la visione d’un volto
intravisto fra le lacrime.
Oh, immergi la mia vuota vita
in quell’oceano,
tuffala nel suo abisso più profondo.
Lasciami per una volta sola sentire
quella dolce carezza perduta
nella totalità dell’universo.

Rabindranath Tagore

 

* * *

 

In desperate hope I go and search for her
in all the corners of my room;
I find her not.
My house is small
and what once has gone from it can never be regained.
But infinite is thy mansion, my lord,
and seeking her I have to come to thy door.
I stand under the golden canopy of thine evening sky
and I lift my eager eyes to thy face.
I have come to the brink of eternity from which nothing can vanish
—no hope, no happiness, no vision of a face seen through tears.
Oh, dip my emptied life into that ocean,
plunge it into the deepest fullness.
Let me for once feel that lost sweet touch
in the allness of the universe.

 
Rabindranath Tagore

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare: