Massimo Scaligero (Pio Filippani)

06 Luglio 2013 Scritto da  Piero Cammerinesi

Massimo Scaligero Pio Filippani

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Mi ricordai di una pia narrazione che correva fra gli Ebrei ortodossi, gli Hassidim, secondo la quale nella comune Umanità è sempre presente, inconosciuto da tutti, un Uomo Giusto, uno Teodéo, che a cagione della sua rettitudine, misteriosamente sopporta il peso dei peccati, delle speranze e delle attese di tutta la sua generazione, finché stremato da tale immane fatica non soccombe, per venire sostituito da un altro Uomo Giusto che ne eredita le funzioni, e cosí avanti nei secoli fino alla redenzione finale.
I Mussulmani parlano, invece, di un Polo, o di un Asse del Mondo, al-Qutb, qualità alla quale assurge un derviscio a cagione della sua virtú, che, però, dopo un giorno di tale fatica, muore ed è sostituito da un altro suo simile.

Orbene, questo è stato il mio pensiero quando Egli scomparve.
Soltanto che un altro Uomo Giusto non venne a riempire il suo posto.

Pio Filippani

Vota questo articolo
(1 Vota)
Ultima modifica il Venerdì, 25 Agosto 2017 07:11
Massimo Scaligero (Pio Filippani) - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Piero Cammerinesi

Piero Cammerinesi

Articoli correlati (da tag)