In memoria di Berthold Brecht

Prison

Prima hanno dichiarato guerra,

hanno ordinato il coprifuoco.

E io non ho protestato,

ho obbedito, perché avevo paura.

 

Hanno diffuso i bollettini delle vittime,

dei malati, degli infetti.

E io sono stato zitto,

perché non sono un medico.

 

Poi hanno vietato incontri, abbracci,

e imposto il distanziamento.

E io ho denunciato

chi si riuniva di nascosto.

 

Hanno obbligato tutti

a mascherarsi, persino i bambini.

E io ho aderito, convinto che

sarebbe andato tutto bene.

 

Hanno anche censurato tutte le opinioni

diverse dalla verità ufficiale.

E io mi sono fidato, come sempre,

dell’autorità costituita.

 

Poi è iniziata la campagna vaccinale,

e io mi sono messo in coda tra i primi,

per non morire e non far morire altri.

 

Quando hanno istituito il green pass

l’ho subito scaricato,

per essere finalmente libero.

 

Poi, una mattina ho spento la TV,

e sono rimasto solo,

in silenzio, a pensare.

Tutto il giorno e tutta la notte.

E finalmente… ho capito.

 

Quando la mattina dopo

sono venuti a prendermi,

io non sapevo che l’ultimo Decreto,

varato nella notte, vietava di pensare.

 

28 luglio 2021

Sergio Motolese

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito