Bassetti: “Basta terrorismo mediatico”

Matteo Bassetti 1370075
“Sono imbarazzato da quelli che fanno critiche gratuite. Io lavoro in corsia tutti i giorni e ho il mio modo di vedere le cose. Vorrei ci fosse meno acredine nei miei confronti, ho ricevuto minacce di ogni tipo, ho dovuto chiudere i profili dei miei figli, minacce di morte. Un pò di paura ce l’ho”.Lo dice Matteo Bassetti, primario infettivologo al San Martino di Genova, a La Zanzara su Radio 24.

“Ho sempre detto che bisogna prendere tutte le preoccupazioni possibili – dice Bassetti –  cioè usare la mascherina, lavarsi le mani, mantenere il distanziamento. Ma ho sempre detto che bisogna convivere col virus, e noi non lo stiamo facendo.
Si continua a fare terrorismo perché il 93 per cento delle persone che sono asintomatiche o poco sintomatiche tra i contagiati vengono trattate come delle persone uscite dal reattore nucleare di Chernobyl.
Quello che stiamo facendo è chiudere la gente in casa, metterle in quarantena, aspettando settimane e mesi per fare i tamponi:  è profondamente sbagliato. Tra un anno quando ci sarà il vaccino questo sarà un virus come tanti altri, sapremo come gestirlo e non ci faremo caso”.

“Tra poche settimane – continua –  troveremo questo paese ingessato e fermo. Con questa circolazione di virus blinderemo in casa mezza l’Italia e questo è negativo. Non possiamo fermare un Paese. I test devono essere fatti sui sintomatici e sui contatti certi dei sintomatici  e non su tutti.
La cosa migliore è la quarantena: ho sintomi compatibili con l’infezione respiratoria, prima di uscire farò un tampone, ma sto a casa. Oggi invece chiamo la Asl, che magari arriva tra una settimana quando i sintomi sono già passati”. “Nei pronto soccorso – prosegue – abbiamo una quantità di codici gialli e verdi che con una medicina che funziona territoriale possiamo intercettare prima. Saranno un venti, trenta per cento”.

Che previsioni fa?: “Non faccio l’astrologo. Non avrei pensato a una seconda ondata di queste proporzioni, ma si è sbagliato anche chi diceva che sarebbe arrivata una seconda ondata con milioni di morti”. Vuole querelare qualcuno?: “Querele? Dovrei avere un pool di avvocati per quello che mi hanno detto. Chi dice che non dovrei venire a Milano sono persone talmente piccole che non sono nemmeno da nominare, si dovrebbe vergognare a parlare di uno che ha passato gli ultimi nove mesi in ospedale”.

E il Natale?: “E’ sacro, ma invece di fare cenoni da trenta persone li faremo con meno persone”. E il sess o?: “Dentro una coppia è giusto continuare a fare sesso senza precauzioni di nessun tipo. Siamo arrivati all’assurdo che il governo del Canada abbia detto che per fare sesso c’è bisogno della mascherina e non ha mai nominato il profilattico.
Ma oggi una sconosciuta non la bacerei, eviterei di farlo. I rapporti sessuali andrebbero fatti all’interno della coppia stabile, le cose casuali sarebbe meglio evitarle”. Quanti sono i contagiati in Italia?: “In Italia siamo oltre i dieci milioni di persone contagiate, secondo i miei calcoli”.

Per chi ha votato alle ultime elezioni?: “Alle ultime elezioni ho votato per il mio amico Giovanni Toti perché se l’è meritato. Ho votato per la sua lista. Nel passato ho votato anche a sinistra, per Renzi che mi è sempre piaciuto molto”. Va cambiata la composizione del Cts?: “I criteri di celta del Cts vanno cambiati. Dovrebbe essere più trasparente il criterio di nomina. A Zangrillo do un ottimo voto, almeno otto. Crisanti? Non è un medico. Senza voto”

(la Zanzara – Radio24)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito