Assange sta eseguendo il suo compito più importante

assa

Il ministro degli Interni britannico Priti Patel ha autorizzato l’estradizione del fondatore di WikiLeaks Julian Assange negli Stati Uniti per essere processato in base alla legge sullo spionaggio, in un caso che cerca di creare un precedente legale per il perseguimento di qualsiasi editore o giornalista, in qualsiasi parte del mondo, che riporti verità scomode sull’impero statunitense.
Il team legale di Assange si appellerà alla decisione, con argomentazioni che, secondo quanto riferito, includeranno il fatto che la CIA lo spiava e complottava per il suo assassinio.

“È probabile che il ricorso arrivi qualche giorno prima della scadenza (14 giorni) e che includa nuove informazioni che non siamo stati in grado di portare in tribunale in precedenza. Informazioni su come gli avvocati di Julian siano stati spiati e su come ci siano stati complotti per rapire e uccidere Julian da parte della CIA”,

ha dichiarato venerdì alla Reuters il fratello di Assange, Gabriel Shipton.

Grazie al cielo.

La volontà di Assange di resistere ai tentativi di estradizione da parte di Washington va a vantaggio di tutti noi, dal suo asilo politico nell’ambasciata ecuadoriana nel 2012 fino a quando la polizia britannica lo ha trascinato fuori con la forza nel 2019, fino alla sua lotta contro i procuratori statunitensi in aula con le unghie e con i denti durante la sua incarcerazione nella prigione di Belmarsh.

La lotta di Assange contro l’estradizione dagli Stati Uniti ci avvantaggia non solo perché la guerra dell’impero contro la verità danneggia la nostra intera specie e non solo perché non può ricevere un processo equo ai sensi dell’Espionage Act, ma perché il suo rifiuto di piegarsi e sottomettersi costringe l’impero a esporsi eccessivamente alla luce e a mostrare a tutti noi di che pasta è fatto.


Washington, Londra e Canberra sono in combutta per imprigionare un giornalista che dice la verità: la prima con i suoi tentativi attivi di estradizione, la seconda con la sua aperta facilitazione di tali tentativi e la terza con la sua silenziosa complicità nel permettere che un giornalista australiano venga rinchiuso e perseguitato per aver esercitato la professione giornalistica. Rifiutando di inchinarsi e costringendoli a dargli la caccia, Assange ha esposto alcune crude realtà di cui l’opinione pubblica è stata in gran parte tenuta all’oscuro.

Il fatto che Londra e Canberra si conformino in modo così ossequioso alle agende di Washington, anche se i loro stessi media mainstream declinano l’estradizione e anche se tutti i principali gruppi di tutela dei diritti umani e della libertà di stampa del mondo occidentale affermano che Assange deve essere libero, dimostra che non si tratta di nazioni sovrane separate, ma di Stati membri di un unico impero che si estende su tutto il globo e che si accentra attorno al governo statunitense. Poiché Assange ha mantenuto la sua posizione e ha combattuto contro di loro, si sta portando l’attenzione su questa realtà.

Resistendo e combattendo contro di loro, Assange ha anche smascherato la menzogna secondo cui le cosiddette libere democrazie del mondo occidentale sostengono la libertà di stampa e difendono i diritti umani.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Australia si sono messi d’accordo per estradare un giornalista che ha rivelato la verità, anche se affermano di opporsi alla tirannia e all’autocrazia, anche se sostengono di sostenere le libertà di stampa nel mondo e anche se denunciano a gran voce i pericoli della disinformazione sponsorizzata dai governi.

Poiché Assange ha mantenuto la sua posizione e ha combattuto contro di loro, puzzerà sempre di ipocrisia quando presidenti degli Stati Uniti come Joe Biden diranno cose come:

“La stampa libera non è il nemico del popolo – tutt’altro. Al meglio, siete guardiani della verità”.

Poiché Assange ha mantenuto la sua posizione e li ha combattuti, la gente saprà sempre che i primi ministri britannici come Boris Johnson mentono quando dicono cose come:

“Le organizzazioni dei media dovrebbero sentirsi libere di rendere di dominio pubblico fatti importanti”.

Poiché Assange ha mantenuto la sua posizione e li ha combattuti, molti capiranno che sono stati ingannati e manipolati quando i primi ministri australiani come Anthony Albanese dicono cose come

“Dobbiamo proteggere la libertà di stampa nella legge e garantire che ogni australiano possa far sentire la propria voce”

e

“Non perseguite i giornalisti per aver semplicemente fatto il loro lavoro”.

Poiché Assange ha mantenuto la sua posizione e ha combattuto contro di loro, i segretari di Stato americani come Antony Blinken faranno molta più fatica a farsi ascoltare con le loro battute quando diranno cose come

“Nella Giornata mondiale della libertà di stampa, gli Stati Uniti continuano a sostenere la libertà di stampa, la sicurezza dei giornalisti in tutto il mondo e l’accesso all’informazione on e offline. Una stampa libera e indipendente garantisce al pubblico l’accesso alle informazioni. La conoscenza è potere”.

Poiché Assange ha mantenuto la sua posizione e ha combattuto contro di loro, i segretari degli Interni del Regno Unito come Priti Patel saranno smascherati come i falsi che sono quando dicono cose come

“La sicurezza dei giornalisti è fondamentale per la nostra democrazia”.

Estradare un giornalista straniero per aver denunciato i vostri crimini di guerra è l’agenda più tirannica che possiate proporre.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Australia che collaborano a questo scopo ci dimostrano che si tratta di Stati membri di un unico impero i cui unici valori sono la dominazione e il controllo, e che tutta la sua propaganda sui diritti umani è pura facciata.

Assange continua a svelare il vero volto del potere.

Si può infatti affermare che, anche a distanza di anni dalle fughe di notizie del 2010 per le quali è attualmente perseguito, Assange sta svolgendo il suo compito più importante.

Per quanto importanti siano state e siano le sue pubblicazioni su WikiLeaks, nessuna di esse ha messo a nudo la depravazione dell’impero quanto il costringerlo a guardarci in faccia e a dirci che vuole estradare un giornalista per aver detto la verità.

Assange ha ottenuto questo risultato piantando i piedi e dicendo “No”, anche quando ogni altra opzione possibile sarebbe stata più facile e piacevole. Anche quando è stato difficile. Anche quando era terrificante. Anche quando significava essere rinchiuso, messo a tacere, infangato, odiato, incapace di reagire ai suoi detrattori, incapace di vivere una vita normale, incapace di tenere in braccio i suoi figli, incapace persino di sentire la luce del sole sul suo viso.

La sua stessa vita getta luce su tutte le aree dove ce ne è più bisogno.

Tutti noi abbiamo un debito enorme nei confronti di quest’uomo.

Il minimo che possiamo fare è fare del nostro meglio per liberarlo.

Caitlin Johnstone

Fonte

Tradotto dall’inglese da Piero Cammerinesi per LiberoPensare

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Facebook
Pinterest
Twitter
Email
Telegram
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT

Accedi al sito