Piccoli virus crescono

Piccoli vibrioni crescono2di Piero Cammerinesi (corrispondente di Coscienzeinrete Magazine dagli USA)

Credo che un po' tutti ci siamo chiesti almeno una volta chi diavolo perda tempo ed energie per creare virus, bachi e malware informatico, nella speranza di contagiare quanti più computer possibili...

Forse qualche hacker sfigato che vuole vendicarsi sulla sua ragazza che l'ha mollato?

 

Ebbene, recentemente sulla stampa USA non allineata è venuto fuori che alcuni dei più sofisticati virus informatici mai sviluppati sono stati prodotti non da hacker pazzoidi, ma nientemeno che dal governo degli Stati Uniti!

Ci credereste? il governo degli Stati Uniti che è il peggiore terrorista informatico del mondo?

Tutto è nato da Stuxnet, il vero protagonista della "guerra segreta" che USA e Israele stanno conducendo contro l'Iran. Questo malware - sviluppato congiuntamente da Tel Aviv e Washington nel 2009-2010 - ha creato, come è noto, scompiglio tra i sistemi informatici che gestiscono gli impianti nucleari iraniani.

Incuriositi da certe caratteristiche del malware, alcuni analisti hanno scoperto che lo stesso codice utilizzato in Stuxnet è stato utilizzato anche in Flame, identificato di recente.

"Siamo adesso sicuri al cento per cento che i gruppi che hanno elaborato Flame e quelli di Stuxnet hanno lavorato insieme", ha affermato Roel Schouwenberg, ricercatore in Russia presso la base di Kaspersky Lab, durante un'intervista con ABC News . "Il fatto che il gruppo di Flame abbia condiviso il codice sorgente con il gruppo di Stuxnet dimostra che hanno collaborato almeno una volta".

Gli analisti, insomma, pur ritenendo che i virus Flame e Stuxnet siano stati progettati su due piattaforme diverse e probabilmente sviluppati in modo indipendente, hanno scoperto che c'è stata condivisione dei codici fondamentali durante il processo di sviluppo .

I responsabili della Kaspersky sostengono che i due team abbiano lavorato in modo indipendente, ma abbiano poi collaborato, utilizzando Stuxnet per il sabotaggio contro le infrastrutture informatiche degli impianti nucleari iraniani, mentre Flame era uno strumento di spionaggio informatico che gli sviluppatori non volevano mescolare con l'altro.

Ma fonti militari iraniane hanno dichiarato che a maggio l'industria più importante del Paese, vale a dire quella petrolifera, è stata colpita proprio dal virus Flame, che ha straordinarie capacità di intercettare i dati sui computer.

Piccoli vibrioni crescono1Stuxnet, secondo i funzionari di Kaspersky, è stato la prima arma cibernetica usata per colpire impianti industriali. "Solo il fatto che Stuxnet abbia poi infettato anche i normali PC in tutto il mondo ha portato alla sua scoperta nel giugno 2010, anche se la prima versione del malware era stata creata un anno prima ".

Quindi, concludendo, la "smoking gun", come si dice da queste parti, la pistola fumante, c'è; i due virus hanno la stessa origine e colpiscono – guarda caso – lo stesso obiettivo – uno Stato canaglia - in tempi e modi diversi...

E ancora: della loro esistenza ci siamo accorti solo perché hanno mandato in tilt anche il nostro PC e ora scopriamo d'improvviso di essere nel bel mezzo di un nuovo teatro di guerra non dichiarata da parte degli USA contro chi si oppone ai loro piani di dominio mondiale!

Benvenuti nella nuova era di guerra cibernetica! Correte a comprare un buon antivirus!

Vota questo articolo
(1 Vota)
Ultima modifica il Martedì, 14 Ottobre 2014 20:47
Piccoli virus crescono - 1.0 out of 5 based on 1 vote

You have no rights to post comments

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Piero Cammerinesi
Chi Sono 

About me

Privacy Policy

Multilanguage content

en ENGLISH    de DEUTSCH

(You need to be logged in to see part of the content of this website. Please Login to access Biblioteca)