Elezioni USA 2020: Democrazia borghese e Governance globale

Trumpbiden

di Diana Johnstone

Diana Johnstone considera i giochi e i trucchi che circondano la possibilità di un risultato elettorale statunitense controverso e conclude che il futuro è stato pianificato altrove, ad esempio al prossimo incontro a Davos.

Un piccolo numero di uomini molto ricchi è abbastanza sicuro di sapere cosa è meglio per il futuro del mondo e di avere abbastanza ricchezza e influenza per credere di poterlo realizzare. Possono essere chiamati oligarchi, ma il termine è inadeguato. Sono una categoria speciale, i Plasmatori della Global Governance destinata a sostituire la democrazia borghese. Posso citarne due: uno che è famoso, noto anche, ma molto vecchio, e un altro che è di una generazione più giovane, non ancora così famoso o così ricco ma probabilmente anche più influente.

I governatori globali

Il vecchio è ovviamente George Soros, che non ha bisogno di presentazioni. Non ha dubbi che il mondo dovrebbe essere una grande società aperta – in una parola, la globalizzazione – in cui i confini e gli stati nazionali si dissolvono in un caleidoscopico mix di identità culturali in cui le decisioni importanti sono prese da brillanti oligarchi finanziari come lui.

Il più giovane è Nicolas Berggruen, l’affascinante figlio parigino di 59 anni di un importante collezionista d’arte. Berggruen gode della doppia cittadinanza statunitense-tedesca e fa parte del Council on Foreign Relations, della NYU Commission on Global Citizenship, del Brookings International Advisory Council, del Leadership Council dell’Harvard’s Kennedy School Center for Public Leadership, del World Economic Forum – e così via.  Ha contribuito a far eleggere Emmanuel Macron presidente della Francia e ha rapporti amichevoli con Ursula von der Leyen, capo della Commissione dell’Unione europea.

Il miliardario ha il suo “think and action tank”, il Berggruen Institute, per promuovere i suoi interessi incentrati sulla “governance globale”. È particolarmente interessato ai modi tecnologici per plasmare e guidare il mondo del futuro. Il futuro per Berggruen appartiene alla digitalizzazione e soprattutto al transumanesimo. In un breve video, si chiede se l’era digitale ci renda “meno umani” o meno.

Nicolas Berggruen, al centro, nel 2017 (Financial Times, Flicker, CC BY 2.0)

Siamo tutti connessi e “meno liberi” ma siamo tutti “parte di qualcosa di più grande: comunità, famiglie, amici” … Il mondo digitale “sembra meno umano ma è ancora creato da noi”. (E chi è esattamente il “noi”?) Il modello di Berggruen della futura famiglia può essere visto nella sua scelta personale: due bambini senza madre fabbricati con ovuli donati e nati da due uteri surrogati.

Come Soros e Berggruen di origine europea, gli Stati Uniti sono soprattutto l’attuale centro di comando e controllo del mondo occidentale che aspira ancora a essere il nucleo di un impero globale. Le elezioni statunitensi sono importanti per questi visionari del mondo per mantenere la rotta della trasformazione mondiale. Per entrambi, il presidente Donald Trump può essere solo un intollerabile malfunzionamento dello schermo. Questo deve essere corretto nel 2020. L’intera élite liberale è in schiacciante accordo.

Il progetto Transition Integrity

Rosa Brooks, al centro, nel 2018, durante una conferenza in Nuova America. (Nuova America, Flickr, CC BY 2.0)

Quindi, è stato facile suscitare quasi il panico nell’establishment di Washington e oltre con l’idea che Trump potrebbe non essere eliminato con le elezioni del novembre 2020. C’è meno paura che Trump possa vincere le elezioni (troppo impensabile per crederlo) piuttosto che perderà le elezioni ma si rifiuterà di andarsene. Questa possibilità ha ricevuto un grande impulso da un evento sociale unico organizzato dalla professoressa Rosa Brooks della Georgetown University, una delle principali sostenitrici della partecipazione delle donne al National Security State, e dallo storico Nils Gilman, capo ricercatore presso il Berggruen Institute.

Questa coppia ben collegata ha facilmente arruolato dozzine di indicatori di potere per prendere parte a quella che il Boston Globe ha definito “una versione washingtoniana di Dungeons and Dragons”, sul modello dei pianificatori del Pentagono che formano squadre per immaginare cosa potrebbero fare gli Stati Uniti e la Russia in un confronto con la guerra nucleare. Hanno chiamato i loro giochi Transition Integrity Project (TIP), suggerendo chiaramente che l ‘”integrità” della transizione anticipata da Trump a Biden era la loro principale preoccupazione.

Solo alcuni dei 67 partecipanti sono stati identificati: il repubblicano anti-Trump Michael Steele, l’ex capo di stato maggiore della Casa Bianca del presidente Bill Clinton John Podesta, David Frum (scrittore fantasma del discorso “Axis of Evil” del presidente George W. Bush) e l’analista politico neoconservatore William Kristol.

Il 3 agosto, il Transition Integrity Project ha pubblicato il suo rapporto, intitolato “Prevenzione di elezioni presidenziali interrotte e transizione”. Questo rapporto ha fornito i risultati delle simulazioni degli scenari di gioco, che hanno fornito un supporto immaginario alla crescente ipotesi liberal-democratica secondo cui Trump è determinato a rubare le elezioni di novembre.

Come molti leader autoritari, il presidente Trump ha iniziato a gettare le basi per ignorare o interrompere potenzialmente il processo di votazione, sostenendo, ad esempio, che qualsiasi scheda elettorale per corrispondenza sarà fraudolenta e che i suoi oppositori cercheranno di far votare i non cittadini. attraverso la frode.

È stato dato per scontato che le paure e le accuse di Trump siano false, mentre le paure e le accuse dei suoi avversari hanno una solida base.

Il rapporto del Transition Integrity Project ha fatto un debole tentativo di apparire neutrale:

TIP non prende posizione su come gli americani dovrebbero esprimere i loro voti, o sul probabile vincitore delle prossime elezioni; entrambe le parti potrebbero prevalere alle urne a novembre senza ricorrere a “sporchi trucchi”

Di fatto una neutralità decisamente violata nell’intera prospettiva.

La simulazione comprendeva quattro scenari: (1) un risultato di voto ambiguo, (2) una chiara vittoria dello sfidante democratico, l’ex vicepresidente Joe Biden, (3) una chiara vittoria di Trump, (4) una vittoria ristretta di Biden. Il gioco è stato giocato da squadre, principalmente “Team Biden” e “Team Trump”, ma è abbastanza chiaro che nessuno dei giocatori era pro-Trump, compresi i giocatori del “Team Trump”. Ma le simulazioni affermavano di mostrare come avrebbero reagito i sostenitori di Trump in queste circostanze.

Il Team Trump è stato costantemente più spietato del Team Biden – più disposto a ignorare le norme democratiche esistenti, a fare uso della disinformazione, a dispiegare agenzie federali per promuovere gli interessi personali ed elettorali di Trump e a impegnarsi in campagne di intimidazione.

Ma “Team Biden” è stato molto più gentile:

Il team Biden generalmente si sentiva vincolato dall’impegno verso le regole e dal desiderio di reprimere la violenza e ridurre l’instabilità.
Il team Biden spesso aveva la maggioranza del pubblico dalla sua parte e la capacità di mobilitare il risentimento per la privazione dei diritti strutturali nel modo in cui conduciamo le elezioni presidenziali.

Il Russiagate si è intromesso nel gioco in un modo strano e persino ridicolo: C’era un bel po’ di speculazioni sul fatto che Trump potesse […] tentare di raccogliere sentimenti nazionalisti intorno a se stesso, o placare i leader stranieri verso cui potrebbe sentirsi in debito, come Vladimir Putin .

Cosa?

Nessuno intende perdere

Immagine della campagna di Kamala Harris e Joe Biden. (2020DemConvention, Twitter)

Un presupposto particolarmente allarmante e inquietantemente credibile del gioco del Transition Integrity Project è che in queste elezioni nessuna delle due parti è disposta ad accettare la sconfitta. Gli esercizi sullo scenario

hanno rivelato che per molti democratici e le principali circoscrizioni democratiche, questa elezione rappresenta una crisi esistenziale, l’ultima possibilità per fermare un rapido e potenzialmente irreversibile declino degli Stati Uniti verso l’autoritarismo e nel nativismo estremo.

Quindi, tanto quanto Trump, molti democratici sono pronti a non fermarsi davanti a nulla per vincere queste elezioni – per le migliori ragioni, ovviamente.

Trump è descritto come altrettanto motivato a vincere per evitare di essere trattato come un criminale. Un presupposto alla base di questa narrazione è che una volta non più presidente, Trump sarà arrestato e processato per crimini non specificati. Questo è evidentemente un incentivo per lui per non perdere.

A questo punto, è necessario ricordare che l’elezione democratica dei leader nazionali dipende da un livello di fiducia reciproca che si sta perdendo in America. Gli Stati Uniti insistono regolarmente sul fatto che tutti i Paesi stranieri dovrebbero eleggere i loro leader con “elezioni eque e libere”.
Ma ci sono molti Paesi in cui, in un momento del loro sviluppo storico, questo metodo non è consigliabile perché un partito, o gruppo, teme per la sua stessa vita se un partito o una fazione rivale dovesse prendere il potere.

In tali Stati, la pace dipende dal governo di un re, un mediatore, un dittatore. Al momento si può vedere che gli Stati Uniti stanno regredendo a un tale grado di odio e sfiducia reciproci.

Riconteggio delle elezioni presidenziali del 2000 in corso nella contea di Palm Beach, Florida, il 18 novembre 2000 (Dtobias, CC BY-SA 3.0, Wikimedia Commons)

Nessun compromesso

Mi sembra che se l’establishment democratico desse la priorità a elezioni e transizione pacifiche, contro la possibilità che Trump possa rifiutare i risultati, la cosa più intelligente e ragionevole da fare sarebbe rassicurarlo sui due punti di vista che loro pensano che potrebbero aiutarlo a tirarsi indietro: le accuse di frode nel voto postale e la minaccia di accuse penali contro di lui.

Quanto a quest’ultimo:

I partecipanti alle simulazioni credevano universalmente che l’autoconservazione del presidente Trump e della sua famiglia sarebbe stata la prima e forse l’unica priorità di Trump se fosse costretto ad ammettere la sconfitta elettorale.

Quindi, è un po ‘strano che il Transition Integrity Project continui a riferire che:

Durante molte delle simulazioni TIP, il Team Biden ha tentato di avviare negoziati con il Team Trump su un perdono e una transizione pacifica, ma quelle aperture sono state costantemente rifiutate.

Poiché non c’erano sostenitori di Trump in nessuna delle due squadre, questi risultati di simulazioni riflettono semplicemente l’intenzione dell’establishment democratico di presumere che Trump sarà accusato di “crimini di stato”, non ancora specificato. Non si desidera nessun accordo di compromesso.
Per quanto riguarda il voto per corrispondenza, dovrebbe essere quantomeno ipotizzabile che i dubbi di Trump siano giustificati. Trump non è contrario ai voti per corrispondenza che richiedono l’identificazione dell’elettore, che è in qualche modo paragonabile all’andare alle urne, ma è sospettoso nei riguardi degli invii di massa di voti che vanno avanti e indietro.

In un’epoca in cui chiunque può fotocopiare qualsiasi documento, quando la posta è lenta e quando ci sono molti modi in cui le schede potrebbero essere distrutte, tali dubbi non sono inverosimili. Infatti, nel corso della simulazione n. 1,

un individuo disonesto ha distrutto un gran numero di schede che si ritiene abbiano sostenuto Biden.

Perché i giocatori potrebbero immaginare la distruzione delle schede di Biden, ma escludere la distruzione delle schede a sostegno di Trump?

Per il bene della pace interna, perché non cercare di trovare un compromesso? Il candidato alla vicepresidenza democratica Sen. Kamala Harris (D-CA) ha introdotto una legislazione per generalizzare il ballottaggio postale.
Perché invece non prolungare l’orario delle votazioni, aprendo le urne non solo il secondo martedì di novembre ma anche il sabato e la domenica precedenti?
Ciò fornirebbe il tempo per consentire agli elettori che hanno paura del Covid-19 di mantenere le distanze l’uno dall’altro, come fanno quando vanno al supermercato. Ridurrebbe il numero delle schede assenti, il tempo necessario per il conteggio e soprattutto i sospetti legati al voto per corrispondenza. Ma più Trump è diffidente nei confronti del voto per corrispondenza, più i democratici insistono per renderlo universale.

Diventa sempre più chiaro che l’odio per Trump ha raggiunto un tale livello, che per l’establishment democratico e i suoi sostenitori, sconfiggere Trump alle urne non è sufficiente.
Lo stanno praticamente incitando a contestare le elezioni.
Allora possono avere qualcosa di più eclatante e decisivo: un vero cambio di regime.

Prepararsi per il cambio di regime

Il classico scenario di cambio di regime prevede elezioni contestate, manifestazioni di massa di piazza inclusa la disobbedienza civile e, infine, l’intervento militare.

Quindi, per cominciare, i giocatori ipotizzano un leader autoritario che non si dimetterà. Questo è Trump.

Successivamente,

uno spettacolo di manifestazioni – e azioni – nelle strade possono essere fattori decisivi nel determinare ciò che il pubblico percepisce come un risultato giusto e legittimo.

In un’intervista che sottolinea “i difetti del nostro sistema elettorale”, Gilman, organizzatore del Transition Integrity Project, ha detto che ciò di cui abbiamo bisogno

è che le persone siano pronte a scendere in piazza per protestare non violenta

se gli appelli ai governanti non bastano.

Abbiamo imparato negli ultimi due mesi, da quando la protesta del Movement for Black Lives è davvero decollata dopo l’omicidio di George Floyd, che scendere in piazza e mostrare impegno per un processo democratico oltre le urne è un parte davvero importante per guidare il cambiamento.

Le dimostrazioni devono essere non violente, ha sottolineato Gilman.

Come afferma il rapporto del Transition Integrity Project, ”

la portata delle recenti manifestazioni ha aumentato la posta in gioco per il Partito Democratico per costruire forti legami con le organizzazioni di base e rispondere alle richieste del movimento.

Alcune di queste organizzazioni di base – MoveOn e Black Lives Matter – hanno beneficiato del sostegno finanziario di Soros, poiché il Partito Democratico cerca chiaramente di cooptare le proteste.

George Soros. (georgesoros.com)

Secondo gli scenari, tali proteste potrebbero sorgere non solo nel caso in cui Trump si rifiutasse di riconoscere una vittoria di Biden, ma anche, nella simulazione n. 3, in caso di una

larga vittoria del Collegio elettorale per il presidente Trump (286 a 252) ma anche di una significativa vittoria del voto popolare (52% per Trump, 47% per Biden). La simulazione si è conclusa con una crisi costituzionale, con minacce di secessione e il potenziale per un declino nell’autoritarismo o un insieme radicalmente rinnovato di regole democratiche che assicurano il prevalere della volontà popolare (abolizione del collegio elettorale …)

La campagna di Biden ha ritirato la sua concessione iniziale, sfruttando

l’indignazione del pubblico per il fatto che per la terza volta in 20 anni un candidato ha perso il voto popolare ma ha vinto nel collegio elettorale.

La campagna di Biden ha incoraggiato la California, l’Oregon e Washington a secedere

a meno che i repubblicani del Congresso non accettassero una serie di riforme strutturali per aggiustare il nostro sistema democratico per garantire il governo della maggioranza.

Il Congresso ha sostenuto Biden.

Non era chiaro cosa avrebbero fatto i militari in questa situazione.

In realtà, i democratici sanno di essere riusciti a mantenere lo Stato permanente, comprese le agenzie militari e di intelligence, dalla loro parte durante la presidenza Trump. Dove sono le forze che potrebbero portare a termine un colpo di stato pro-Trump?

Di chi è il colpo di stato?

Hillary Clinton al congresso democratico, luglio 2016 (Gage Skidmore, Flickr)

Durante le simulazioni – osserva il rapporto – vincere con la ‘narrazione’ si è rivelato un fattore potenzialmente decisivo. Entrambe le parti possono espandere o ridurre il “margine di contestazione” se riescono a cambiare sostanzialmente il modo in cui i decisori chiave e il pubblico vedono i “fatti”, i rischi di azione o inazione o eventi esterni come disordini civili .

Vincere con la narrazione sembra essere lo scopo principale del Transition Integrity Project, ed è stato rapidamente appoggiato nei suoi sforzi dai massimi democratici.

Joe Biden non dovrebbe cedere in nessuna circostanza perché penso che questo si trascinerà, e alla fine credo che vincerà se non arretriamo di un centimetro e se siamo concentrati e implacabili come è l’altra parte

ha detto Hillary Clinton in un’intervista il 25 agosto.

Un paio di giorni dopo, Al Gore, l’ex vice-presidente e candidato alla presidenza democratica del 2000 senza successo, è intervenuto.
Trump, ha detto in un’immagine particolarmente carica, sta “tentando di mettere il ginocchio sul collo della democrazia” criticando la posta nelle votazioni.

Sembra non avere alcun rimorso nel tentativo di strappare il tessuto sociale e l’equilibrio politico del popolo americano, e sta strategicamente avanzando dubbi in anticipo.

La gente si chiede se Trump lascerà l’incarico il prossimo 20 gennaio.

Bene – ha detto Gore – non importa perché non dipende da lui. Perché a mezzogiorno del 20 gennaio, se viene eletto un nuovo presidente … le forze di polizia, i servizi segreti, i militari, tutti gli ufficiali del ramo esecutivo, risponderanno al comando e alla direzione del nuovo presidente.

Il punto

Ai margini dell’incontro annuale 2020 del Forum economico mondiale a Davos-Klosters, Svizzera, 24 gennaio (Forum economico mondiale, Mattias Nutt, CC BY-NC-SA 2.0)

Nel frattempo, gli americani possono ascoltare la stravagante retorica dei due campi nemici, invitandoli a scegliere tra “supremazia bianca autoritaria” e “socialismo marxista radicale” senza offrire assolutamente nulla in termini di politica pubblica coerente a beneficio del popolo americano e del mondo.
I politici si aggrappano a uno strumento inefficace, mentre il futuro viene pianificato altrove.

La politica sarà definita dai Governatori globali, ad esempio nella prossima riunione a Davos del Forum economico mondiale che, secondo il suo fondatore e presidente Klaus Schwab, definirà l’agenda del “Great Reset” per la quarta rivoluzione industriale che è destinata a rimodellare tutte le nostre vite.
Nicolas Berggruen sarà presente con le sue idee.
Così faranno altri miliardari.

Non “cospireranno”, ma piuttosto elaboreranno piani per ciò che considerano la cosa migliore per il mondo.
Non esiste un sistema politico che ci consenta di influenzare o addirittura comprendere appieno i progetti che sponsorizzeranno. Sicuramente questi progetti meritano di essere dibattuti a fondo. Ma i politici che ci dovrebbero rappresentare sono da qualche altra parte, combattendo furiosamente tra loro su questioni irrilevanti.

L’Electoral College non è il difetto peggiore della democrazia americana. Piuttosto, è il monopolio del discorso politico da parte di un sistema bipartitico alimentato essenzialmente dall’ambizione personale, che prende spunto dalle lobby, dal complesso industrial-militare, da Wall Street e dai Governatori globali.

Diana Johnstone vive a Parigi. Il suo ultimo libro è Circle in the Darkness: Memoirs of a World Watcher (Clarity Press, 2020).

Fonte: https://consortiumnews.com/2020/08/28/election-2020-bourgeois-democracy-meets-global-governance/

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito