150 bambini scomparsi recuperati in Tennesse

Bambini

Il Tennessee Bureau of Investigations (TBI)  ha annunciato di essere stato in grado di localizzare 150 bambini scomparsi negli ultimi mesi. Lo riporta la CNN.

I funzionari del TBI hanno rivelato la buona notizia durante una conferenza stampa a Nashville lo scorso mercoledì, accreditando il recupero dei bambini a un’iniziativa multi-agenzia denominata «Operation Volunteer Strong».

L’operazione ha coinvolto gli US Marshals (un’agenzia federale di polizia alle dipendenze del Dipartimento della Giustizia) e il Dipartimento dei Servizi per l’Infanzia (DCS) dello Stato del Tennessee che hanno avviato indagini in tutto il territorio.

Gli US Marshals e il DCS hanno rintracciato i contatti e in gennaio hanno inviato squadre per operazioni di emergenza in ciascuno dei tre distretti del Tennessee. Otto bambini sono stati trovati in altri stati. Le operazioni sono iniziate il 4 gennaio e si sono concluse il 26 febbraio, ha detto il TBI nel suo comunicato stampa.

«La pianificazione delle indagini è iniziata nell’autunno del 2020, quando gli analisti hanno compilato i file su 240 bambini in missione in tutto lo Stato»

sostiene il canale locale WZTV, del gruppo Fox.

«Durante due settimane di blitz nel Tennessee orientale, medio e occidentale, 150 di quei bambini sono stati recuperati».

 


 

Per la maggior parte, si tratta di bambine di età compresa tra i 3 ei 17 anni. Circa altri 90 rimangono ancora dispersi.

Denny King, il maresciallo degli Stati Uniti per il distretto centrale del Tennessee, ha detto di non poter immaginare di essere un genitore e di avere un figlio scomparso.

«Non possiamo arrenderci. Abbiamo bisogno del pubblico, abbiamo bisogno dei media, abbiamo bisogno dei nostri partner delle forze dell’ordine e degli altri dipartimenti dei servizi per i bambini per non rinunciare a questi bambini».

«Non sappiamo quali danni potrebbero essere stati fatti, ma sappiamo che quelli che abbiamo recuperato durante questa operazione si trovano oggi in un ambiente sicuro».

Quattro dei bambini erano potenziali vittime della tratta di esseri umani, ha detto il TBI nel suo comunicato stampa. Un quinto è stato identificato come

«una vittima della tratta di esseri umani, risultando in un’indagine ancora attiva da parte di un’agenzia di polizia locale del Mississippi e dell’FBI».

Gli sforzi per trovare i restanti 90 bambini scomparsi sono in corso, hanno detto i funzionari.

Fonte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Share on facebook
Facebook
Share on pinterest
Pinterest
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email
Share on telegram
Telegram
Share on whatsapp
WhatsApp

Ti potrebbero interessare:

it_IT
en_US it_IT

Accedi al sito